Home / Nutrizione / Troppe vitamine fanno male: con gli integratori l’eccesso è possibile. Si rischiano gravi conseguenze, spiega Issalute

Troppe vitamine fanno male: con gli integratori l’eccesso è possibile. Si rischiano gravi conseguenze, spiega Issalute

È vero che più vitamine prendo meglio sto? No, anzi è vero il contrario Un’assunzione eccessiva di alcune vitamine può essere addirittura pericolosa e dare origine a ipervitaminosi dalle gravi conseguenze, come ricordano gli esperti nella sezione dedicata a bufale e falsi miti di Issalute, il portale di informazione dell’Istituto superiore di sanità. È infatti ancora molto diffusa l’opinione che le vitamine possono solo fare bene, per cui in molti, spinti anche dalla pubblicità, assumono integratori multivitaminici senza una reale necessità. Tuttavia una dieta varia e bilanciata di norma è sufficiente per soddisfare il fabbisogno di queste sostanze.

Non era così in passato, quando le malattie causate dalle carenze vitaminiche (avitaminosi) erano molto comuni. Come racconta Issalute, è alla fine del Settecento che abbiamo iniziato a identificare le vitamine, osservando come il consumo di specifici alimenti faceva scomparire i sintomi di alcune patologie. È famoso il caso dello scorbuto: nel 1753 un medico inglese scoprì che la malattia poteva essere curata con il succo di limone, che doveva contenere una “sostanza anti-scorbuto“ poi identificata nel 1932 come vitamina C o acido ascorbico. Pochi anni dopo si scoprì che la pellagra, malattia che in passato ha colpito duramente le regioni del Nord Italia, era dovuta alla carenza di vitamina B3.

Un’assunzione di vitamine in eccesso può causare delle malattie dette ipervitaminosi

Oggi le carenze vitaminiche sono piuttosto rare nei paesi occidentali, ma possono verificarsi ancora in caso di condizioni che impediscono l’assorbimento, di dieta fortemente squilibrata o quando il fabbisogno è aumentato, come in gravidanza. Si dovrebbe pertanto fare ricorso a integratori solo quando ne è accertata la necessità, altrimenti si rischia di andare incontro alla condizione contraria, cioè alle ipervitaminosi, che talvolta possono avere conseguenze gravi.

Le ipervitaminosi più comuni sono quelle date dalle vitamine liposolubili A, D, E e K, che vengono accumulate nel fegato e nel tessuto adiposo e smaltite molto lentamente.  L’eccesso delle vitamine idrosolubili C e B viene eliminato molto rapidamente attraverso le urine. I sintomi delle ipervitaminosi variano a seconda della sostanza che si accumula. Troppa   di vitamina A causa cefalea, vomito, torpore, ossificazione precoce nei bambini e malformazioni nei feti; la vitamina D provoca l’aumento dei livelli di calcio nel sangue, sete, dolori addominali, affaticamento e alterazioni dello stato di veglia; l’ipervitaminosi E può dare disturbi intestinali; la vitamina K può causare vampate, trombosi e anemia.

Assumere dosi eccessive di queste vitamine attraverso l’alimentazione – spiega Issalute – è estremamente difficile se non impossibile: la maggior parte dei casi di ipervitaminosi riportati sono dovuti a un consumo eccessivo di integratori.” Quindi è importante ricordare ancora una volta di non assumere integratori vitaminici senza una reale necessità e di informare sempre il proprio medico di tutti i supplementi che prendiamo.

© Riproduzione riservata

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

alimenti cibo dieta verdure pollo pesce salute

Le nuove linee guida americane sull’alimentazione: ignorate le raccomandazioni degli esperti su zucchero e alcol

Fino alle ultime settimane di vita, l’amministrazione Trump si fa notare per il disprezzo della …

2 Commenti

  1. Avatar
    Roberto Stanzani

    Mai un numero dietro alle affermazioni. MAI. Avanti così.

  2. Avatar

    Mai un numero… e se ci fossero i numeri dei mg per chilo di peso corporeo pro die, cosa te ne faresti?

    Come faresti a sapere quanta vitamina A, B, C eccetera assumi con la normale alimentazione?

    Pesando ogni singolo componente e facendoti i calcoli?

    L’articolo ha uno scopo ben preciso: riassumere gli studi fatti e ricordare che nel campo della salute il fai-da-te è a volte controproducente, e che dare retta a chi vende integratori che “più ne prendi e meglio stai” può essere pericoloso.

    Personalmente ricorderò sempre un mio professore di biologia, che di fronte ai claim taumaturgici della vitamina C (ricordate che decenni fa era pubblicizzata come toccasana, antinfluenzale, e chi più ne ha più ne metta?) ci aveva detto “compratene e prendetene quanta ne volete, vuol dire che piscerete via i vostri soldi”.