Home / Sicurezza Alimentare / Uova dei cento anni: adesso si possono importare dalla Cina. Lo autorizza il ministero della Salute

Uova dei cento anni: adesso si possono importare dalla Cina. Lo autorizza il ministero della Salute

uovo centenario piatto runnerQuanti modi conoscete per utilizzare le uova in cucina? Dai grandi classici come l’uovo alla coque, l’uovo in camicia e l’uovo al tegamino, per poi passare ai piatti più elaborati come frittate, uova alla Benedict e omelette. E come dimenticare i dolci quali tiramisù, pan di Spagna e meringhe? Le uova in cucina sono utilizzate in mille modi per diversi piatti, e forse da oggi vorrete provarne uno in più: l’uovo centenario.

Probabilmente non molto appetitoso nell’aspetto, quest’uovo di anatra (a volte anche di gallina o di quaglia) è un piatto della tradizione cinese. L’uovo viene lasciato 100 giorni in un composto di acqua, sale, carbone e ossido di calcio. In questo periodo il bianco d’uovo si trasforma in una massa gelatinosa color ambra e il tuorlo assume una colorazione verde scuro. Da tradizione le uova possono essere consumate senza aggiungere nessun altro ingrediente, o mescolandole ad altri ingredienti come al tofu o allo zenzero in salamoia.

uovo centenario fette piatto
Le uova dei cent’anni possono essere commercializzate nella UE

Le uova dei cent’anni, presenti anche sul mercato nazionale italiano,  erano sospettate di essere importate illegalmente. In seguito alla notifica sull’importazione e commercializzazione trasmessa dal ministero della Salute italiano al Sistema di allerta rapido per alimenti e mangimi (Rassf), la Commissione ha risposto ai dubbi di categorizzazione di questo alimento.

Il ministero della Salute ha quindi informato i posti d’ispezione frontaliera, gli uffici veterinari per gli adempimenti comunitari, gli assessorati alla sanità e i carabinieri del Nas che “le uova dei cent’anni possono entrare ed essere commercializzate nella UE, se provenienti da stabilimenti e paesi terzi autorizzati a esportare ovoprodotti nella UE e nel rispetto delle condizioni di salute pubblica e animale previste dalla normativa dell’UE e attestate dal certificato veterinario per gli ovoprodotti”. Che aspettare? Se è vero che “gallina vecchia fa buon brodo” un uovo centenario dovrebbe essere squisito.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Simone Finotello

Avatar

Guarda qui

Someone preparing tea

Tè alle microplastiche: ogni bustina in plastica rilascia miliardi di micro e nanoparticelle durante l’infusione

Miliardi di micro e nanoparticelle di plastica per ogni tazza di tè. Questo è quello …

4 Commenti

  1. Avatar

    vorrei poter conoscere alcune informazioni aggiuntive: che odore o paricolare profumo emanano? Al gusto, quale la sensazione principale, la gelatina o il tuorlo, nella cucina cinese sono un antipasto o un piatto? Ultima curiosità perchè dei cent’anni se hanno solo cento giorni?

  2. Avatar

    solitamente il Fatto alimentare è molto attento nell’analizzare anche i prodotti più apparentemente privi di rischio per verificarne le caratteristiche.
    In questo caso mi sembra ci sia troppa nonchalance nel “certificare” (intendo dire che non appare alcun commento di rischio) la libera commercializzazione nella UE … son state fatte analisi a campione su questi alimenti così particolari? Grazie

    • Roberto La Pira

      Si tratta di un prodotto particolare della tradizione cinese che si può paragonare ad altri cibi strani della tradizione culinaria occidentale ( per esempio formaggi con i vermi)

    • Avatar

      Io le ho mangiate in Cina (insieme a serpente e coccodrillo) e devo ammettere che ha un sapore interessante. Sicuramente da provare!