Home / Sicurezza Alimentare / Uova e antibiotici: un’accoppiata da evitare? Dipende dal farmaco. ISSalute ci spiega perché

Uova e antibiotici: un’accoppiata da evitare? Dipende dal farmaco. ISSalute ci spiega perché

uova frigoriferoÈ vero che non si possono consumare uova durante una terapia antibiotica? Nonostante quel che si dice in giro, e cioè che mangiare una bella omelette mentre si stanno prendendo antibiotici renderebbe la cura inefficace, in realtà dipende dal tipo di farmaco che si sta assumendo. A raccontare le origini del mito e come stanno in realtà le cose è ISSalute, il sito anti-bufala dell’Istituto superiore di sanità.

Secondo il mito le uova sarebbero in grado di annullare l’azione di qualsiasi antibiotico, oltre ad “affaticare” il fegato. In realtà, solo quando si assume per via orale una particolare classe di antimicrobici ad ampio spettro, ovvero i sulfamidici, può essere meglio evitarle: questo perché alcune componenti delle uova possono legarsi al farmaco nell’intestino e limitarne l’assorbimento. Per tutti gli altri antibiotici, invece, via libera alle frittate.

Si pensa, spiegano gli esperti, che questo mito abbia avuto origine perché, originariamente, il processo di produzione degli antibiotici prevedeva l’uso della proteina albumina, derivata dalle uova, e che consumarle avrebbe potuto in qualche modo interferire con l’azione terapeutica. Ma anche se fosse stato vero in passato, oggi i farmaci antimicrobici sono prodotti per sintesi chimica e non esiste nessun motivo per non mangiare uova durante una cura antibiotica. Sulfamidici esclusi.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Micro plastic.Small Plastic pellets on the finger.

Microplastiche: cosa sono, dove si trovano e che effetti hanno sulla salute. Tutto quello che si sa (e non si sa) spiegato dal BfR

Nello scorso mese di febbraio i tedeschi preoccupati per le microplastiche nel cibo erano il …

2 Commenti

  1. Avatar

    RITENGO UTILE INVECE SAPERE QUANTI ANTIBIOTICI SONO GIA PRESENTI NELLE UOVA CHE ABBIAMO ACQUISTATO