Home / Nutrizione / Dolci, caramelle e dessert surgelati spingono gli adolescenti a consumare più ultra-trasformati

Dolci, caramelle e dessert surgelati spingono gli adolescenti a consumare più ultra-trasformati

Ogni americano adulto tutti i giorni ricava il 60% delle calorie che assume da alimenti ultra-trasformati, secondo le stime. Ma c’è un momento in cui il consumo di prodotti industriali ricchi di grassi, zuccheri, sale e additivi si impenna: l’adolescenza. E ci sono alcuni alimenti che agiscono come catalizzatori, amplificando e stabilizzando l’abitudine a questo tipo di alimentazione: quando un ragazzo inizia a mangiarli con regolarità, anche il suo consumo di ultra-trasformati di altro tipo aumenta vistosamente.

L’esistenza di cibi ‘di passaggio’ (definizione che fa un parallelismo con le cosiddette droghe di passaggio) è emersa in uno studio presentato al recente congresso dell’American Heart Association dai ricercatori del Broward College, in Florida, la cui coordinatrice, Maria Balhara, è una perfetta rappresentante della popolazione oggetto dello studio: ha 16 anni. Insieme ai collaboratori, ha elaborato un questionario chiamato Valutazione dell’assunzione di alimenti processati (PIE), relativo al consumo di 12 tipologie di ultra-trasformati, che è stato poi somministrato a oltre 300 liceali (di età compresa tra i 13 e i 19 anni) di 12 scuole della Florida. Le domande prevedevano risposte vero/falso ad affermazioni come “bevevo spesso bevande zuccherate prima della pandemia” ed erano relative a due periodi specifici: quello di otto settimane del 2022, dopo la fine delle restrizioni causate dalla pandemia, e quello prepandemico del 2019, per verificare i cambiamenti eventualmente sopraggiunti nelle abitudini.

Three frozen ice cream desserts in sugar cones
Caramelle, dolci e dessert surgelati agiscono da ‘cibi di passaggio’ e spingono gli adolescenti a mangiare più ultra-trasformati

L’elaborazione delle risposte ha fatto emergere che alcuni ultra-trasformati dolci fanno aumentare il consumo di tutti gli altri: in particolare si ha un incremento dell’11% con un aumento dei dessert surgelati, del 31% con le caramelle e del 12% con la pasticceria. L’associazione si vede anche in negativo: chi aveva diminuito il consumo di carni trasformate, aveva anche ridotto quello di tutti gli ultra-trasformati dell’8%, mentre a una diminuzione del pane industriale corrispondeva un calo di tutti gli altri prodotti del 9%, e a uno dei biscotti confezionati uno del 10% di tutto il resto. Per quanto riguarda i cambiamenti associati alla pandemia (ma anche alla crescita dei ragazzi), il 43% ha affermato di aver aumentato la frequenza del consumo di ultra-trasformati, mentre il 57% di averla diminuita.

La scoperta dell’esistenza di alimenti gateway ha una ricaduta positiva: sarebbe sufficiente, per i genitori (soprattutto nel caso dei ragazzi più piccoli), controllare l’acquisto e il consumo soprattutto di dolci per contenere l’assunzione di tutti gli altri ultra-trasformati. Inoltre, lo studio conferma quanto emerso in molte altre ricerche, e cioè l’importanza cruciale delle abitudini alimentari acquisite già a partire dall’infanzia e poi consolidate (o cambiate) nell’adolescenza, che influenzano il modo in cui si mangia per il resto della vita.

© Riproduzione riservata Foto: Fotolia, iStock, AdobeStock

Da 12 anni Ilfattoalimentare racconta cosa succede nel mondo dei supermercati, quali sono le insidie nelle etichette, pubblica le sentenze sulle pubblicità ingannevoli oltre che segnalare il lavoro delle lobby che operano contro gli interessi dei consumatori.

Il nostro è un sito indipendente senza un editore, senza conflitti di interesse e senza contributi pubblici. Questo è possibile grazie ai banner delle aziende e alle migliaia di lettori che ogni giorno ci leggono e ci permettono di sfiorare 20 milioni di visualizzazioni l'anno, senza farcire gli articoli con pubblicità invasive. Ilfattoalimentare dà l'accesso gratuito a tutti gli articoli.
Sostienici, basta un minuto clicca qui. Se vuoi puoi anche farlo con un versamento mensile.

Roberto La Pira

  Agnese Codignola

giornalista scientifica

Guarda qui

Una mano regge una manciata di capsule e compresse di integratori alimentari

Integratori alimentari, sono davvero utili per le funzioni cognitive e le patologie oculari?

Gli integratori alimentari negli ultimi anni hanno registrato un incredibile incremento delle vendite in farmacia e anche …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *