Home / Archivio dei Tag: oscar farinetti

Archivio dei Tag: oscar farinetti

Fico Eataly World, apre a Bologna la “Disneyland del cibo” di Farinetti. Un’operazione gigantesca tra fattorie, laboratori produttivi e chioschi per la ristorazione. Barilla grande assente

Fico è la nuova Disneyland del cibo. È questa la definizione che sembra prevalere tra i tanti giornalisti che il 9 novembre hanno visitato in anteprima i padiglioni ristrutturati dell’ex-mercato ortofrutticolo di Bologna. In realtà non è proprio così. Fico (acronimo di Fabbrica italiana contadina) Eataly World è un progetto che assomiglia molto a uno dei punti vendita Eataly di …

Continua »

Vini naturali, biologici, liberi, sostenibili… Sul mercato ci sono troppe etichette che inneggiano all’ambiente

vini rossi bianchi botti

Abbiamo aspettato 20 anni il Regolamento Europeo sul vino biologico, e adesso il nuovo arrivato si trova la strada occupata da molti concorrenti. Proprio qualche giorno fa FederBio ha ribadito sulle pagine de Il Fatto Alimentare la differenza tra il vino “biologico” (certificato secondo il nuovo regolamento) e il vino “Libero” di Oscar Farinetti (legato all’iniziativa Eataly): quest’ultimo da un …

Continua »

Il vino “naturale”, quello “libero” e il “biologico” non sono affatto la stessa cosa. FederBio fa chiarezza e spiega le differenze tra marketing e normativa

vigneti vino

Le pagine di pubblicità del cosiddetto vino “libero” apparse sui quotidiani nazionali negli ultimi mesi hanno gettato un po’ di scompiglio e di confusione sui concetti che ruotano attorno a naturalità e produzioni biologiche. Il Fatto Alimentare, con l’aiuto di FederBio, prova a fare un po’ di chiarezza.   Oscar Farinetti, patron di Eataly, oltreché di Tenuta Fontanafredda (vino), del …

Continua »

Il quotidiano La Repubblica difende il made in Italy a tavola, ma lo racconta in modo furbesco e un pò troppo superficiale

L’articolo di Paolo Berizzi pubblicato il 3 settembre sul quotidiano la Repubblica è inquietante. Un consumatore con scarse conoscenze in materia dopo avere letto il testo, apre la dispensa di casa e ha la sensazione di  essere accerchiato da scatole di pomodoro cinese, pasta greca, mozzarella tedesca, prosciutto olandese, latte polacco…. Il quadro descritto da Berizzi è furbescamente drammatico, perché …

Continua »