Home / Archivio dei Tag: bibite analcoliche

Archivio dei Tag: bibite analcoliche

Aranciate: aumenta il contenuto di succo dal 12% al 20%. Dal 6 marzo in vigore la nuova legge

Il 6 marzo è entrata in vigore la norma contenuta nell’art. 17 della legge n. 161/2014, secondo cui le bibite analcoliche prodotte in Italia e vendute con il nome dell’arancia o con un nome riferito al frutto, devono avere un contenuto di succo non inferiore a 20 grammi per 100 ml o una quantità equivalente di succo concentrato o disidratato. L’obbligo vale solo …

Continua »

Il Chinotto Crai non contiene frutta: solo acqua, zucchero, aromi e coloranti. È corretto? L’avvocato Dario Dongo e l’azienda rispondono ai dubbi di una lettrice

Di recente ho notato che tra gli ingredienti del Chinotto (marca Crai), non figura in alcun modo il chinotto stesso. Ecco la lista degli ingredienti che ho copiato dall’etichetta: acqua, zucchero, anidride carbonica, coloranti e 150d, aromi, acidificanti: acido citrico e acido fosforico. A questo punto mi chiedo se sia lecita la denominazione del prodotto, o se invece sia ingannevole. …

Continua »

Coloranti sconsigliati ai bambini nelle bibite: ma le aziende si difendono: “Sono prodotti per adulti”. Il parere dell’ISS

Ancora una volta ci occupiamo di coloranti alimentari. A spingerci a farlo è stata la segnalazione di una lettrice, stupita di aver trovato sull’etichetta del Ginger San Benedetto  venduta in confezione ” famiglia” un’avvertenza a caratteri piccoli, che segnalava per alcuni dei coloranti utilizzati la possibilità di  “influire negativamente sull’attività e l’attenzione dei bambini“. Abbiamo così deciso di indagare, scoprendo …

Continua »

Gli energy drink migliorano le prestazioni atletiche, ma provocano insonnia e nervosismo. L’effetto è dato dalla caffeina

Gli energy drink migliorano del 3-7 per cento le prestazioni degli atleti ma favoriscono insonnia, nervosismo e tensione muscolare dopo lo sforzo. Lo rileva uno studio durato quattro anni, pubblicato dal British Journal of Nutrition e condotto da alcuni ricercatori della spagnola Camilo José Cela Universidad.   La ricerca è stata condotta su atleti di varie discipline sportive – basket, …

Continua »