Home / Sicurezza Alimentare / Svezia, epidemia di listeriosi collegata a quattro morti e sette ricoveri. La fonte individuata nel purè di patate prodotto da un’azienda locale

Svezia, epidemia di listeriosi collegata a quattro morti e sette ricoveri. La fonte individuata nel purè di patate prodotto da un’azienda locale

pur di patate con contorno di piselliIn Svezia, nella contea di Västra Götaland, la morte di quattro persone e il ricovero di altre sette sono stati collegati a un’epidemia di listeriosi, la cui origine è stata individuata in alcuni piatti pronti con patate dell’azienda locale Food Company di Lidköping AB, con data di scadenza il 16 e il 25 maggio. Il batterio Listeria monocytogenes è stato trovato nella macchina per la produzione del purè di patate. La notizia è stata diffusa dal quotidiano svedese in lingua inglese The Local. 

Gli esperti del Centro svedese per il controllo delle malattie trasmissibili sottolineano che le persone decedute, di età compresa tra i 59 e gli 84 anni, erano anziani o affetti da altre malattie e quindi non è possibile confermare che la listeriosi sia responsabile della morte. In ogni caso, tutti i prodotti contenenti purè di patate della Food Company sono stati richiamati. Il macchinario contaminato è stato rimosso dall’impianto, che però non ha interrotto la produzione di altri prodotti. Secondo  Food Navigator i sette casi di persone ammalate, di cui sei confermati e uno sospetto, sono avvenuti tra febbraio e i primi di maggio 2018. L’Agenzia svedese per l’alimentazione non esclude che si possano verificare ancora altri casi, dato che la Listeria ha un lungo periodo di incubazione. Poiché il batterio viene eliminato alla temperatura di 70°, la conclusione è che l’epidemia sia stata causata da un errore in fase di cottura.

Come spiega l’Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa), dopo il consumo di alimenti contaminati dal batterio Listeria, la maggior parte degli individui sani non sviluppa alcun sintomo di rilievo. Tuttavia, nelle persone con sistema immunitario indebolito, in donne incinte, neonati e anziani, la listeriosi può portare a meningite, infezione del cervello e gravi infezioni del sangue. Tutte le forme cliniche sono curabili con cicli prolungati di antibiotici, ma la prognosi delle infezioni invasive più gravi è sfavorevole.

© Riproduzione riservata

* Con Carta di credito (attraverso PayPal). Clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264
indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare 2018. Clicca qui

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

maiale allevamento

Antibiotici e allevamenti: sulla lotta alla resistenza agli antimicrobici dal Ministero solo buoni propositi. Intervista a Fabrizio de Stefani

I buoni propositi non bastano. È la prima considerazione che emerge leggendo le “Linee guida …