Home / Sicurezza Alimentare / USA: sotto accusa le indicazioni salutistiche per promuovere sport ed energy drink

USA: sotto accusa le indicazioni salutistiche per promuovere sport ed energy drink

Drinking energy drink at gym
Gli sport e gli energy drink sono spesso accompagnati da claim salutistici. In realtà si tratta di bevande dannose per la salute

Uno studio dell’University of California Berkeley ha esaminato le indicazioni salutistiche con cui vengono promossi, nelle etichette e nei materiali pubblicitari, molti sport ed energy drink, tè e bibite alla frutta. La conclusione è che, in gran parte dei casi, si tratta di affermazioni ingannevoli, dato che la maggior parte di queste bibite ha piccoli o nulli benefici per la salute, mentre, in alcuni casi, gli ingredienti aggiunti possono essere pericolosi per i loro principali consumatori: bambini e ragazzi. In tutti i casi, i produttori cercano di creare un alone salutistico intorno a bevande che, in realtà, sono bibite zuccherate malsane.

 

Gli additivi di queste bevande, che dovrebbero far bene alla salute e migliorare le prestazioni, sono numerosi: caffeina, dolcificanti non calorici, sodio, minerali e vitamine, altri integratori come guaranà, ginseng, taurina, ginkgo biloba ed estratto di zenzero. Su questi ingredienti si appunta l’attenzione dello studio, perché solo l’ultimo viene classificato come “probabilmente sicuro” per i bambini dal National Center for Complementary and Alternative Medicine, che fa parte dei National Institutes of Health. L’impatto della maggior parte di questi ingredienti sulla salute dei bambini,  non è stato valutato, mentre di alcuni si conoscono i rischi per gli adulti, se consumati in quantità elevate.

 

sport drink donna bevanda 78635089
Alcuni ingredienti hanno un effetto sinergico negativo. Il guaranà aumenta l’effetto della caffeina

Lo studio, che ha preso in esame ventuno bevande zuccherate pubblicizzate come in grado di migliorare la salute e le prestazioni fisiche e mentali, esprime anche preoccupazione sull’effetto sinergico di alcuni ingredienti, come caffeina e guaranà. La ricerca documenta come queste bevande possano avere effetti opposti rispetto a quelli pubblicizzati (aumento di stress, nervosismo, ansia, mal di testa, insonnia, tremori, allucinazioni e convulsioni)  riducendo il rendimento scolastico.

Beniamino Bonardi

© Riproduzione riservata

Foto: istockphotos.com

sostieniProva2

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal): clicca qui

Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264  indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

caramelle

Biossido di titanio: la Francia dice stop all’uso dal 2020. Secondo l’Anses: “bisogna limitare l’esposizione dei consumatori”.

Il biossido di titanio è di nuovo al centro dell’attenzione. Questa volta è l’Agenzia nazionale …