Home / Sicurezza Alimentare / “Senza bisfenolo A”: una scritta sempre più diffusa ma che non garantisce sicurezza. Le sostanze che lo rimpiazzano sono quasi identiche

“Senza bisfenolo A”: una scritta sempre più diffusa ma che non garantisce sicurezza. Le sostanze che lo rimpiazzano sono quasi identiche

BPA Free Senza bisfenolo
“Senza bisfenolo A”: una scritta sempre più presente ma che non garantisce sicurezza. Le sostanze che lo rimpiazzano sono quasi identiche

La scritta sulle etichette “BPA-free”, cioè privo di bisfenolo, rappresenta davvero una garanzia di sicurezza? Una dicitura sempre più presente negli ultimi anni, soprattutto per l’aumento dei dati a dimostrazione della pericolosità di questo plastificante ubiquitario, e la crescente diffusione delle norme che ne vietano l’impiego in prodotti per l’infanzia, contenitori per alimenti e altri oggetti o, come accaduto in Francia, ne vietano l’uso tout court. Ma quando un prodotto così etichettato si può considerare realmente sicuro?

 

Secondo i ricercatori del centro chiamato The Endocrine Disruption Exchange (TEDX) di Paonia, in Colorado, mai, o quasi mai. Perché le funzioni svolte dal BPA sono insostituibili e le sostanze impiegate per rimpiazzarlo sono di fatto quasi identiche e quindi hanno o potrebbero avere gli stessi effetti sulla salute umana.

 

Per giungere al loro verdetto, i ricercatori americani hanno compiuto un’analisi degli studi pubblicati sui due sostituti più impiegati, i bisfenoli S e F (BPS e BPF), identificandone 32, 26 dei quali solo in vitro, e sette in vivo. Come sottolineato su Environmental Health Perspectives, quasi tutte le indagini sono state incentrate sugli effetti metabolici e ormonali (prevalentemente sugli ormoni sessuali) di questi composti, e tutti quelli che lo hanno fatto hanno mostrato che entrambi hanno un’azione sovrapponibile, per tipo e potenza, a quella del BPA. Non si può, quindi, spacciare per sicuri prodotti che, al momento, non è dimostrato che lo siano, anzi.

 

plastica iStock_000058931782_Small
Non riscaldare alimenti in contenitori di plastica nel forno a microonde

Per limitare i rischi, gli autori ricordano le regole fondamentali valide per il BPA e, di conseguenza, estendibili anche agli altri bisfenoli:

1.     Evitare di tenere in mano gli scontrini e in generale la carta termica, che contiene molto bisfenolo. Anche se non è facilmente percepibile, l’accumulo proveniente da questa fonte, soprattutto quando sulle mani c’è una crema o una sostanza oleosa che possa facilitarne l’assorbimento, è superiore rispetto a quello che si ha mangiando alimenti conservati in contenitori con BPA. Ciò dipende, oltreché dalla frequenza del contatto, anche dal fatto che nella carta termica i bisfenoli sono liberi e non legati come nelle plastiche, e possono quindi migrare con maggiore facilità. Gli autori arrivano a consigliare di evitare del tutto il contatto, chiedendo a chi emette lo scontrino di riporlo nella confezione o nel sacchetto.

2.     Bere bevande contenute nell’alluminio o nel vetro, non nella plastica, tanto a casa quanto al lavoro.

3.     Non riscaldare alimenti in contenitori di plastica nel forno a microonde; il riscaldamento a microonde può far staccare i bisfenoli dalla plastica, e agevolarne la migrazione nei cibi. In generale, sarebbe meglio non usare la plastica per la conservazione degli alimenti, preferendo la ceramica o il vetro, ma se non è possibile è bene non riscaldare nessuna plastica.

 

Agnese Codignola

© Riproduzione riservata

Foto: iStockphoto.com

sostieniProva2

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal): clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare

  Agnese Codignola

Agnese Codignola
giornalista scientifica

Guarda qui

alimenti cibo dieta verdure pollo pesce salute

Aumentano le notifiche al sistema di allerta Rasff. Nel rapporto 2019 boom di segnalazioni per la Salmonella nel pollo dalla Polonia

Nel 2019 sono tornate a crescere le notifiche trasmesse attraverso il Sistema di allerta rapido …

2 Commenti

  1. Avatar

    vi giro una “perplessità” inviatami sul Blog da un lettore: ” L’affermazione che gli scontrini fiscali stampati su carta termica sono pericolosi per la salute mi lascia un po…perplesso”