Home / Sicurezza Alimentare / Chi vende il pollo al dettaglio è a rischio sanzione in caso di salmonella? Sì dice la Corte di giustizia europea

Chi vende il pollo al dettaglio è a rischio sanzione in caso di salmonella? Sì dice la Corte di giustizia europea

Whole chicken for sale in an open air african market
Anche il rivenditore al dettaglio è responsabile della salmonella nella carne

La Corte di Giustizia dell’Unione europea ha stabilito che i venditori di carne di pollame al dettaglio possono essere sanzionati se la carne è contaminata da Salmonella. Il ricorso era stato promosso da una rivenditrice austriaca, che nel 2012 era stata denunciata e condannata a pagare una multa per aver venduto al dettaglio dei petti di tacchino contaminati, pur non avendo responsabilità dirette nelle fasi di lavorazione adottate in precedenza in allevamento o durante la macellazione. La condanna è arrivata  in seguito al controllo microbiologico di  un campione di tacchino contaminato dalla Salmonella e quindi “inadatto al consumo umano”. Secondo la sentenza della Corte, “la carne fresca di pollame deve soddisfare le condizioni igieniche previste in tutte le fasi di distribuzione, compresa la vendita al dettaglio”, la cui esclusione significherebbe compromettere uno degli obiettivi fondamentali della legislazione alimentare.

 

Il caso esaminato dalla Corte riguarda espressamente la Salmonella e il quesito che ora si pone è se il principio di responsabilità dei rivenditori al dettaglio sia estendibile agli altri agenti patogeni presenti nella carne da pollame e altri alimenti, come sostiene il blogger francese Albert Amgar, esperto di sicurezza alimentare e collaboratore di Process Alimentaire.

 

Beniamino Bonardi

© Riproduzione riservata

foto: istockphotos.com

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

A handful of turmeric capsules with the contents of one spilled

Integratori a base di curcuma tutti assolti: nessuna contaminazione. Il ministero della Salute richiede avvertenze per le persone a rischio

Dopo due mesi e mezzo si sono concluse le indagini sugli integratori a base di …

Un commento

  1. Salve, nell’articolo si dice che la dettagliante è stata “denunciata e condannata a pagare una multa”;
    se non sbaglio, sembrerebbe quindi che per l’ordinamento austriaco la fattispecie vada a ricadere esclusivamente nel codice penale. Sarà così? No sanzione amministrativa?