Home / Nutrizione / Ricerca sugli integratori per sportivi del Mario Negri: che cosa dice l`Aiipa

Ricerca sugli integratori per sportivi del Mario Negri: che cosa dice l`Aiipa

L’attività fisica per migliorare la salute, restare in forma e divertirsi? Non solo: gli italiani sportivi per hobby cercano anche la performance. E perciò si affidano agli integratori alimentari: vi ricorre un atleta dilettante su 2, secondo una recente ricerca del dipartimento Medicina del lavoro dell’Università degli Studi di Milano, dell’Istituto di ricerche farmacologiche ‘Mario Negri’ e dell’istituto Doxa.   

La ricerca mirava a verificare l’utilizzo e le conoscenze (compreso doping e disturbi associati) su integratori e sostanze dopanti tra i frequentatori di palestre e centri fitness. Sono stati intervistati 289 atleti di varie discipline e 30 gestori degli stessi per conoscere le opinioni degli atleti a livello dilettantistico sulle sostanze e pratiche di doping e sui disturbi correlati a tale uso.

Gli integratori vitaminici (assunti dal 44% degli sportivi) e minerali (50%) sono le sostanze più diffuse per un presunto miglioramento delle prestazioni. Seguono anti-infiammatori e creatina (circa 15% degli atleti), diuretici (circa 10%), steroidi anabolizzanti (circa 7-8%), anfetamine (circa 6%), cocaina ed EPO (circa 2-3%).

La maggior parte degli atleti si esprime contro il doping in generale, ma l’utilizzo frequente anche a livello dilettantistico e la sua diffusione negli ultimi anni fa pensare che in qualche modo gli atleti si sentano pressati a farne uso. Tanto che dall’indagine emerge che nella percezione della maggior parte degli intervistati procurarsi gli integratori è semplice e che negli ultimi 2-3 anni il loro impiego (comprese le sostanze dopanti) sarebbe aumentato.

Per gli intervistati, i motivi principali per cui gli atleti utilizzano queste sostanze sono sviluppare il proprio corpo e potersi allenare meglio e più a lungo, anche in presenza di una dieta bilanciata. Eppure, oltre l’80% pensa che anfetamine, steroidi anabolizzanti e cocaina siano dannosi alla salute. Solo il 3-6% degli intervistati ritiene, invece, dannosi gli integratori.

È curioso che, a fronte di una così forte convinzione personale sui danni delle sostanze dopanti, il 67% degli atleti e il 57% dei gestori di palestre creda che gli sportivi (evidentemente “gli altri”) ne sottovalutino gli effetti, e che la stampa faccia altrettanto.

Gli integratori considerati più utili sono i preparati a base di sali minerali e vitamine. I meno efficaci, invece, i prodotti probiotici/fitoterapici e i sostitutivi dei pasti. Ma solo il 2% degli atleti e il 7% dei gestori ritiene che prima di utilizzarli si chieda consiglio al medico. Le percentuali diventano ancora più basse (1 e del 3%) per le sostanze dopanti.

Silvio Garattini, direttore del ‘Mario Negri, commenta: «Sull’efficacia di questi prodotti non c’è nessun riscontro scientifico. Sono prodotti che, rispetto a quanto promesso, non sono utili. Anche perché oggi l’alimentazione è talmente varia che risponde facilmente ai bisogni dell’organismo». Posizione analoga a quella dell’Efsa, l’Authority europea per la sicurezza alimentare.

“L’accostamento tra integratori alimentari e farmaci o addirittura droghe illegali non è proprio corretto – sostiene l’Associazione italiana industrie prodotti alimentari (Aiipa) – perché crea  confusione tra i consumatori e reca un danno all’immagine del settore. “Gli integratori e i prodotti per gli sportivi sono costituiti, oltre che dall’acqua, da macronutrienti (carboidrati, grassi, sostanze proteiche), da micronutrienti (vitamine, minerali, antiossidanti) e non possono essere certo confusi con i farmaci (diuretici, steroidi anabolizzanti) o con le droghe (cocaina)” sottolinea Enrico Arcelli del Dipartimento di scienze dello sport, nutrizione e salute dell’Università di Milano. “Affermare che gli integratori non siano utili, significa prima di tutto sostenere che negli sportivi non possano esistere carenze di acqua, di macronutrienti o di micronutrienti, la qual cosa, come sa bene chi si occupa di atleti, non è vera. Infatti l’assunzione di integratori può costituire la via più efficace per porre rimedio ad un problema o per prevenirne l’insorgenza“.

Va precisato che gli integratori alimentari non possono contenere sostanze farmacologicamente attive, sono fabbricati nel pieno rispetto della normativa vigente  e devono essere notificati al Ministero della Salute . Questa procedura  rappresenta un valido sistema per accertare l’idoneità della composizione e delle indicazioni in etichetta, comprese le eventuali avvertenze, conformemente alle specifiche .

Mariateresa Truncellito

Foto: photos.com

 © Il Fatto Alimentare 2010 – Riproduzione riservata

 

Avatar

Guarda qui

ragazza mangia piatto pollo fritto

L’obesità dipende dalla qualità del cibo piuttosto che dalla quantità di attività fisica

Ciò che fa prendere peso ai ragazzi non è tanto la quantità di attività fisica …