Home / Sicurezza Alimentare / Aumentano le notifiche al sistema di allerta Rasff. Nel rapporto 2019 boom di segnalazioni per la Salmonella nel pollo dalla Polonia

Aumentano le notifiche al sistema di allerta Rasff. Nel rapporto 2019 boom di segnalazioni per la Salmonella nel pollo dalla Polonia

Allergie cibo allergeniNel 2019 sono tornate a crescere le notifiche trasmesse attraverso il Sistema di allerta rapido per alimenti e mangimi (Rasff), lo strumento utilizzato dagli Stati membri per scambiarsi allerta e informazioni sugli alimenti che potrebbero rappresentare un rischio per la salute dei cittadini europei. Lo certifica l’annuale rapporto pubblicato dalla Commissione europea.

Lo scorso anno sono state segnalate 4.118 notifiche originali, circa il 10% in più rispetto al 2018, quando ne erano state trasmesse 3.699. Le allerta alimentari rappresentano 1.173 delle oltre 4 mila notifiche totali, ma le notifiche più numerose sono state quelle di respingimento alla frontiera, che hanno toccato quota 1.499. Ciascuna segnalazione, poi, ha dato vita in media a 2,5 aggiornamenti, per un totale di 10.388 follow-up. Complessivamente nel 2019 sono stati registrati 14.803 scambi di informazioni: un numero che non è mai stato così alto.

Nel 2019 il numero di notifiche inviate attraverso il sistema Rasff è aumentato del 10% rispetto all’anno precedente

L’Italia, nel 2019, ha inviato 373 notifiche, al quarto posto dietro la Germania, che ha trasmesso il numero più alto di segnalazioni (534), il Regno Unito (387) e i Paesi Bassi (378). Per quanto riguarda l’origine dei prodotti segnalati attraverso il sistema Rasff, tra gli Stati membri il più citato è la Polonia, con 304, mentre tra quelli extra-europei è la Cina il Paese di provenienza più ricorrente (379).

In generale, la prima causa di segnalazione attraverso il Rasff continua ad essere la presenza di microrganismi patogeni. Nel 2019 sono state inviate ben 974 notifiche per contaminazioni microbiche di cui 575 riguardanti prodotti alimentari provenienti da Stati membri e 399 da Paesi terzi. La Salmonella è ancora il patogeno più frequente, con 371 notifiche (+22%) di alimenti europei contaminati, soprattutto pollame, e 347 per alimenti provenienti da Paesi extra-comunitari, per un totale di 718. Quasi la metà delle segnalazioni di prodotti europei positivi alla Salmonella (181) riguardavano pollame proveniente dalla Polonia, in forte aumento rispetto ai 34 casi del 2018.

latte in polvere latte di crescita
Nel 2019 si è verificato un focolaio di Salmonella Poona in bambini sotto ai 2 anni collegato a bevanda di riso in polvere

A proposito di Salmonella, nel 2019 si era verificato un focolaio del sierotipo Poona, che aveva colpito 32 bambini sotto i 2 anni – 30 in Francia, uno in Belgio e uno in Lussemburgo – e che era stato ricondotto al consumo di bevanda di riso in polvere. Il prodotto era stato realizzato in uno stabilimento spagnolo, in cui non è mai stato individuato il batterio, e distribuito in 20 Paesi, Italia compresa.

Anche se le contaminazioni microbiologiche sono al primo posto sia nella classifica generale delle notifiche che in quella dei prodotti di origine europea, sono “solo” la seconda causa di segnalazione per gli alimenti provenienti dai Paesi terzi. In questo caso, il principale motivo di notifica è stato la presenza di micotossine (534), tra le quali quelle rilevate più spesso sono le aflatossine, in particolare nella frutta a guscio proveniente dalla Turchia. Per i prodotti di origine europea, invece, la seconda causa di segnalazione (se ignoriamo le “altre categorie di pericolo”) è rappresentata dagli allergeni, con 194 notifiche, in aumento del 30% rispetto al 2018. Ad essere riportati più frequentemente sono latte, glutine e soia, mentre i cibi più colpiti sono cereali e prodotti da forno.

rapporto rasff 2019 infografica
L’infografica riporta i dati relativi al 2019 delle notifiche riguardanti sia i prodotti alimentari, che i mangimi per animali

© Riproduzione riservata

  Giulia Crepaldi

Giulia Crepaldi

Guarda qui

sushi tonno

Meglio i cibi crudi o cotti? Dipende dall’alimento. Tutti i consigli di Antonello Paparella a Elisir

È meglio mangiare il pesce crudo o cotto? È vero che il cibo cotto perde …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *