Home / Sicurezza Alimentare / Residui di pesticidi negli alimenti UE: l’Efsa individua un peggioramento, ma senza pericolo per la salute. In Italia irregolari solo lo 0.3% dei campioni

Residui di pesticidi negli alimenti UE: l’Efsa individua un peggioramento, ma senza pericolo per la salute. In Italia irregolari solo lo 0.3% dei campioni

pesticidi agricoltura iStock_000012529103_Small
La percentuale di alimenti con residui di pesticidi è aumentata dal 2013 al 2014.

L’Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa) ha pubblicato la relazione annuale sui residui di pesticidi negli alimenti rilevati nel 2014: analizza i risultati di quasi 82.649 campioni di alimenti provenienti da 28 pasi dell’Unione europea più Islanda e Norvegia, in relazione a 778 pesticidi.

I risultati indicano un lieve peggioramento rispetto all’anno precedente. Il 3% (2,6% nel 2013) dei cibi contiene tracce di pesticidi oltre i limiti di legge, il 43,4% (42,8% nel 2013) rientra nei limiti, mentre il 53,6% (54,6 nel 2013) non contiene residui. Il tasso di non conformità degli alimenti importati da paesi extraeuropei è quattro volte superiore a quelli prodotti all’interno della UE (il 6,5% contro l’1,6%). Anche in questo caso i dati sono peggiori rispetto al 2013, che erano, rispettivamente, 5,7% e 1,4%. Dalla relazione dell’Efsa risulta che, nel 2014, il 91,8% dei campioni di alimenti per l’infanzia non conteneva residui di pesticidi quantificabili, mentre il 98,8% dei prodotti biologici era privo di residui o li conteneva nei limiti di legge.

frutta mele pere pesticida 464933549
In Italia solo lo 0.3% dei campioni è risultato irregolare per la presenza di pesticidi

Secondo l’Efsa “è improbabile” che l’esposizione a questi residui di pesticidi costituisca un rischio per la salute umana di lungo termine (cronico) o di breve termine (acuto). Per quanto riguarda l’Italia, sono stati analizzati 8.946 campioni, di cui 7.968 di origine nazionale, 269 provenienti da altri paesi Ue, 220 da paesi extra Ue e 489 di origine sconosciuta. Il 65,5% dei campioni è risultato privo di residui di pesticidi, il 34,2% ha evidenziato tracce entro i limiti di legge, mentre solo lo 0,3% è risultato irregolare, con residui oltre i limiti consentiti.

sostieni

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal): clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

Allergy food

Allergie alimentari, attenzione ai test senza validità scientifica venduti online e nelle farmacie. Per la diagnosi meglio affidarsi all’allergologo

Le allergie alimentari sono un problema diffuso e spesso di non facile individuazione, a meno …

4 Commenti

  1. E per quanto riguarda l’irradiamento a scopo conservativo applicato sui cibi d’origine industriale?

  2. Visti i buoni risultati statistici europei, verso i peggiori extra europei, ritengo che nel 2016 si debbano fare tre cose:
    – abbassare gradualmente il limite massimo tollerato di legge dei residui di pesticidi;
    – vietare l’importazione di alimenti con alti valori di residui, chiedendo un certificato d’analisi prima dell’ingresso in dogana, per tutti i lotti di alimenti e materie prime importate extra Europa;
    – togliere i sussidi economici agli agricoltori con recidive di residui oltre i limiti di legge e girarli agli agricoltori biologici come quota premiale ai migliori risultati.
    Altro che TTIP segreto!

  3. Auspico un DL sotto l’albero natalizio degli italiani, ma penso proprio che il Ministro ed il Viceministro siano proprio diversamente sensibili ed attenti.