Buone notizie per gli amanti del pangasio, un alimento molto amato dai bambini perché “non sa di pesce”. Uno studio condotto dall’’Istituto zooprofilattico del mezzogiorno e pubblicato sul mensile Industrie alimentari, ha stabilito che i filetti di pangasio non comportano rischi per la salute dei consumatori.

Mauro Esposito, dirigente chimico dell’Istituto e coordinatore della ricerca, ha dichiarato a “ilfattoalimentare.it”: “Ci siamo proposti di verificare i molti allarmismi diffusi dai media che hanno provocato una  pessima fama a questo pesce di importazione. I risultati sono stati tranquillizzanti: i campioni analizzati non hanno mai superato i valori limite per metalli pesanti (piombo, mercurio, cadmio, arsenico), contaminanti ambientali (Pcb e pesticidi) e farmaci consentiti (sulfamidici e chinolonici), mentre sono risultati assenti i farmaci vietati dall’UE (cloramfenicolo o nitrofuranici)”.

Quasi tutto il pangasio che arriva sulle nostre tavole è allevato in Vietnam  nel delta del Mekong. Il fiume nasce in Cina e attraversa diversi Paesi del Sud-Est asiatico, un tempo prevalentemente agricoli, oggi sottoposti a una veloce industrializzazione. Per questo motivo il pesce è considerato un prodotto a rischio inquinamento. Senza contare i sospetti circa i metodi di allevamento, nell’Unione europea severamente regolamentati da normative che impongono limiti severi sull’ inquinamento e il divieto di certi farmaci.

“Il  nostro non è stato studio su larga scala – precisa Esposito – anche se abbiamo analizzato solo 52 campioni  rappresentativi di centinaia di partite  corrispondenti a tonnellate di prodotto. Si tratta tuttavia di un studio molto indicativo”. Tanto più se consideriamo la zona di competenza dell’Istituto, cioè i porti di Salerno, Napoli e Gioia Tauro, che da soli coprono una buona fetta di tutte le importazioni ittiche italiane.

Qualche dubbio, semmai, rimane sotto il profilo nutrizionale. Nell’ articolo Esposito  riporta i dati di uno studio recente condotto dall’Istituto nazionale di ricerca per gli alimenti e la nutrizione (Inran) secondo cui il pangasio sarebbe un pesce poco pregiato dal punto di vista nutritivo,  rispetto alle specie ittiche normalmente consumate in Italia, perché ricco di acqua e povero di proteine e grassi, in particolare degli acidi grassi omega-3”.

Il pangasio però ha molti altri pregi come il sapore delicato, la vendita in filetti porzionati  e il prezzo molto interessante. Qualità che lo rendono appetibile per i bambni e in generale per tutte le persone non amano molto il pesce. Tra la scelta di eliminare il pesce dalla tavola e quella di mangiarne uno nutrizionalmente “povero”, forse è meglio la seconda…

Alberta Cremonesi

Foto: Flikr

- 13 Novembre 2010