Home / Nutrizione / Obesità: 1,2 milioni di decessi l’anno in Europa. L’Oms propone tasse su bevande zuccherate e sussidi per cibi sani

Obesità: 1,2 milioni di decessi l’anno in Europa. L’Oms propone tasse su bevande zuccherate e sussidi per cibi sani

ospedale medico misura girovita paziente obeso obesita sovrappesoIl rapporto europeo sull’obesità (*) del 2022 firmato dall’Oms, rivela che i tassi di sovrappeso e obesità hanno raggiunto proporzioni epidemiche in tutta la regione e sono in aumento. C’è di più, nessuno dei 53 Stati membri  ha imbroccato la strada giusta per raggiungere l’obiettivo prefissato dall’Oms per limitare le malattie non trasmissibili (Ncd) e fermare lil costante incremento di peso entro il 2025. Il dossier rivela che nella Regione Europea il 59% degli adulti e quasi 1 bambino su 3 (29% dei maschi e 27% delle femmine) sono in sovrappeso o sono obesi. Questa situazione fa si che il nostro continente venga collocato al secondo posto nel mondo dietro gli Stati Uniti. Più precisamente il Regno Unito è al quarto posto dietro Israele, Malta e Turchia. Ormai la questione viene considerata tra le principali cause di morte e disabilità, con stime che indicano 1,2 milioni di decessi all’anno, corrispondenti a oltre il 13% della mortalità totale.

L’obesità aumenta il rischio di molte malattie non trasmissibili, inclusi tumori, problemi cardiovascolari, diabete mellito di tipo 2 e malattie respiratorie croniche. C’è di più il problema è considerato una causa di almeno 13 diversi tipi di cancro ed è probabile che sia direttamente responsabile di almeno 200mila nuovi casi di cancro all’anno,  destinati a crescere ulteriormente. Purtroppo le persone in sovrappeso e obese sono state colpite in modo negativo dalla pandemia di Covid-19. Durante questo periodo  ci sono stati cambiamenti sfavorevoli nel consumo di cibo e nei modelli di attività fisica e tutto ciò avrà effetti negativi sulla salute della popolazione nei prossimi anni.

obesita sovrappeso hamburger junk food 106541056
I  fattori che caratterizzano la vita nelle società moderna altamente digitalizzata sono elementi negativi per l’obesità

Anche i  fattori ambientali che caratterizzano la vita nelle società moderna altamente digitalizzata sono elementi negativi. Il rapporto prende in esame il marketing digitale di prodotti alimentari malsani per i bambini e la proliferazione dei giochi online sedentari che contribuiscono alla crescente ondata di sovrappeso. Per contro, si potrebbero utilizzare le piattaforme digitali per promuovere le tematiche su salute e benessere che per nn viene fatto. Il dottor Hans Kluge, direttore regionale dell’Oms per l’Europa, ha affermato che è ancora possibile invertire l’epidemia di obesità in Europa. “Creando ambienti più abilitanti, promuovendo investimenti e innovazione nella salute e sviluppando sistemi sanitari forti e resilienti”.

Per affrontare l’epidemia, il rapporto raccomanda una serie di interventi che gli Stati membri dovrebbero  prendere in considerazione. Qualsiasi politica nazionale che miri ad affrontare i problemi del sovrappeso e dell’obesità deve avere alle spalle un impegno politico di alto livello. Si dovrebbero mettere a punto programmi in grado di raggiungere le persone lungo tutto il corso della vita e prendere di mira le disuguaglianze. Gli sforzi devono considerare quali sono i fattori determinanti della malattia, mentre le opzioni politiche dovrebbero allontanarsi da approcci incentrati sugli individui e affrontare gli elementi strutturali dell’obesità.

comportamento alimentare, sovrappeso obesita dieta bilancia
Qualsiasi politica nazionale che miri ad affrontare i problemi del sovrappeso e dell’obesità deve avere alle spalle un impegno politico di alto livello

Il rapporto evidenzia alcune politiche specifiche utili per raggiungere lo scopo. Attuazione di interventi fiscali (come la tassazione delle bevande zuccherate o i sussidi per cibi sani); restrizioni alla commercializzazione di alimenti malsani per i bambini; miglioramento dei servizi di gestione dell’obesità e del sovrappeso nell’assistenza sanitaria di base; sforzi per migliorare la dieta e l’attività fisica nel corso della vita, compresi il preconcepimento e la cura della gravidanza, la promozione dell’allattamento al seno, gli interventi a scuola e gli interventi per creare ambienti che migliorino l’accessibilità e l’accessibilità dei cibi sani e le opportunità per l’attività fisica.

(*) L’obesità è definita come un eccesso di  sovrappeso. Avere un indice di massa corporea (Bmi) da 25 a 29,9 è classificato come sovrappeso, mentre 30 o superiore è definito obeso. Il rapporto ha rilevato che gli uomini europei avevano maggiori probabilità di essere in sovrappeso o obesi in generale, sebbene più donne convivessero con l’obesità (24%) in Europa rispetto agli uomini (22%).

© Riproduzione riservata Foto: Depositphotos, AdobeStock, Fotolia

Il Fatto Alimentare da 12 anni pubblica notizie su: prodotti, etichette, pubblicità ingannevoli, sicurezza alimentare... e dà ai lettori l'accesso completamente gratuito a tutti i contenuti. Sul sito non accettiamo pubblicità mascherate da articoli e selezioniamo le aziende inserzioniste. Per andare avanti con questa politica di trasparenza e mantenere la nostra indipendenza sostieni il sito. Dona ora!

Roberto La Pira

  Sara Rossi

giornalista redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Arriva il ‘potato milk’: il sostituto del latte a base di patate che punta sul basso impatto ambientale

Il mercato dei prodotti a base vegetale è in continua espansione, trainato dalla crescente attenzione …

Un commento

  1. secondo me, per ottenere una diminuzione della presenza di obesità nella popolazione, oltre ad efficientare l’organizzazione delle strutture sanitarie adatte a trattare la questione ed indurre il ministero della salute ad impegnarsi seriamente nella promozione di una sana, equilibrata alimentazione e di stile di vita, sarebbe il caso di introdurre il tema nelle scuole, affinché gli studenti, sin dalla tenera età, apprendano quali siano le scelte più giuste per rimanere il più possibile in salute ed in buona forma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *