Home / Sicurezza Alimentare / Il 9% dei formaggi svizzeri non rispetta le norme igieniche minime, in particolare quelli a latte crudo

Il 9% dei formaggi svizzeri non rispetta le norme igieniche minime, in particolare quelli a latte crudo

formaggi svizzeri
La maggior criticità è stata rilevata nei formaggi molli

Le analisi condotte nel 2014 dai chimici cantonali della Svizzera su 560 formaggi, di cui 489 svizzeri e 71 esteri, hanno rilevato che 50 di essi, corrispondenti a poco più del 9%, non rispettavano i requisiti di igiene minimi richiesti dalla legge. La percentuale è particolarmente alta (19% dei campioni esaminati) nei formaggi a base di latte di capra, mentre in quelli con latte di mucca o di pecora è dell’8%.

L’80% dei formaggi svizzeri risultato non in regola è a base di latte crudo, una varietà particolarmente apprezzata dai consumatori, e la maggior criticità è stata rilevata nei formaggi molli. Le analisi hanno riguardato formaggi molli, semiduri e duri, venduti al dettaglio, sia “al taglio”, sia imballati, e non hanno mostrato differenze fra la qualità igienica dei prodotti nazionali e di quelli esteri.

L’Associazione dei chimici cantonali svizzeri ricorda che con un trattamento termico si riducono di numero o addirittura si eliminano dal latte tutti i batteri indesiderati. In questo caso, il processo produttivo dei formaggi è meno critico e permette di ottenere un prodotto più sicuro dal punto di vista igienico.

© Riproduzione riservata

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

alimenti cibo dieta verdure pollo pesce salute

Aumentano le notifiche al sistema di allerta Rasff. Nel rapporto 2019 boom di segnalazioni per la Salmonella nel pollo dalla Polonia

Nel 2019 sono tornate a crescere le notifiche trasmesse attraverso il Sistema di allerta rapido …