Home / Sicurezza Alimentare / Polline europeo con troppi pesticidi: trovati residui in 72 campioni su 107 analizzati da Greenpeace

Polline europeo con troppi pesticidi: trovati residui in 72 campioni su 107 analizzati da Greenpeace

polline api fiore-
Su 107 campioni di polline analizzati, 72 presentavano tracce di pesticida

Le analisi di oltre cento campioni di polline raccolto in dodici paesi europei hanno rilevato la presenza di 53 composti chimici: 22 insetticidi/acaricidi, 29 fungicidi e due erbicidi. I residui di almeno uno di questi sono stati identificati in 72 dei 107 campioni di polline. Lo indica uno studio condotto da Greenpeace, che evidenzia le alte concentrazioni e l’ampia gamma di fungicidi presenti nel polline raccolto vicino ai vigneti in Italia, l’uso diffuso di insetticidi killer delle api in quello dei campi polacchi, la presenza di DDE (un prodotto di degradazione del DDT, tossico e bioaccumulabile) in Spagna, il ritrovamento frequente del neonicotinoide thiacloprid in molti campioni raccolti in Germania. In termini di aree geografiche interessate e numero di campioni prelevati simultaneamente, questo è uno degli studi più estesi realizzati finora sui residui di pesticidi presenti nel polline raccolto dalle api.

 

polline miele Api 1-156898437
Greenpace è preoccupata dei risultati ottenuti dalle analisi sul miele europeo

Greenpeace osserva che si tratta di una situazione molto preoccupante. Recenti ricerche hanno mostrato che l’interazione fra diverse sostanze chimiche può portare a un “effetto cocktail”, in grado di essere più tossico per le api rispetto ad una singola sostanza. Inoltre, alcuni studi hanno dimostrato che i pesticidi possono minare il sistema immunitario degli insetti, rendendoli più sensibili a malattie, agenti patogeni e parassiti.

 

Le api, ricorda l’associazione ecologista, svolgono un ruolo enorme e fondamentale per la nostra sicurezza alimentare: un terzo del nostro cibo, inclusa la maggior parte delle piante, dipende dall’impollinazione effettuata dalle api e dagli altri impollinatori naturali. Il valore globale di questo “servizio” è stato stimato in circa 265 miliardi di euro all’anno.

Beniamino Bonardi

© Riproduzione riservata

foto: thinkstockphotos.com

 

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

White pills

Il sucralosio potrebbe essere pericoloso per la salute. Se riscaldato dà origine a diossine e furani, secondo il Bfr tedesco

Il sucralosio, dolcificante artificiale 600 volte più dolce dello zucchero (saccarosio), due volte più della …

Un commento

  1. bene che si torni a parlare delle meravigliose api, a cui tanto dobbiamo, tra cui anche il meraviglioso miele, che io uso da anni quasi esclusivamante al posto dello zucchero. Da pochi mesi uso anche il polline, per es. dentro allo jogurth,dove lascio che si ammorbidisca per 10 min.: non ne conosco tutte le proprietà, che intendo cercare, ma so che è comunque benefico. Grazie per il Vs lavoro.