Home / Sicurezza Alimentare / Mercurio & gravidanza: livelli più alti nelle donne incinte che consumano più pesce. Serve più informazione

Mercurio & gravidanza: livelli più alti nelle donne incinte che consumano più pesce. Serve più informazione

donna incinta gravidanza pesce pescheriaNelle donne incinte, i livelli di mercurio presenti nell’organismo dipendono da alcuni fattori molto chiari: la zona di residenza, le abitudini alimentari, il livello di istruzione, l’età e il fatto che la gravidanza sia o meno la prima. Questo è il quadro tratteggiato in uno studio pubblicato sull’International Journal of Environmental Research and Public Health, che ha analizzato nel dettaglio la dieta, le caratteristiche socioeconomiche e i livelli di mercurio di oltre 200 donne in gravidanza.

Com’è noto, quasi tutte le linee guida sconsigliano a chi aspetta un figlio di consumare pesci di grandi dimensioni come tonni e pesci spada, se non sporadicamente, perché nelle loro carni si accumula più mercurio che in quelle dei pesci di piccola taglia, e perché questo metallo è particolarmente nocivo per il feto (in relazione allo sviluppo del sistema nervoso). Per questo i ricercatori della Florida Atlantic University, dove il consumo di pesce è circa dieci volte quello degli altri stati americani, e in cui esiste una delle zone a più elevata contaminazione da mercurio del mondo (la laguna del fiume Indian, estesa per 250 km e che attraversa il 40% delle coste orientali dello stato), hanno valutato la presenza del metallo nei capelli di donne incinte residenti nelle zone costiere. I ricercatori hanno poi messo in relazione quanto scoperto con la dieta e altre variabili, compresa l’origine dei pesci e la consapevolezza dei rischi per il feto.

pesce spada mercurio
In gravidanza andrebbe evitato il consumo di pesci di grossa taglia, come tonno e pesce spada, per il loro contenuto di mercurio

Il risultato è stato che i livelli medi di mercurio non sono superiori a quelli delle donne di età simile residenti in altre zone degli Stati Uniti. Questa è una buona notizia perché la Florida è ad alto rischio anche per la presenza di fonti naturali di mercurio e per la particolare conformazione costiera. Tuttavia, analizzando nel dettaglio la situazione, si è scoperto che le donne con più di 33 anni (spesso di origine asiatica) abituate a mangiare pesce tre volte alla settimana hanno una concentrazione di mercurio nei capelli di circa quattro volte superiore a quella delle coetanee che non lo mangiano mai. Lo stesso accade per le donne che consumano abitualmente pesce proveniente dalla laguna del fiume Indian, i cui capelli contengono più mercurio rispetto a alle donne che non mangiano mai pesce proveniente da quelle zone.

Altro fattore importante è il livello di istruzione e di conoscenza. Più dell’85% delle partecipanti sa che alti livelli di mercurio possono danneggiare il feto e quasi il 90% sa che alcuni pesci possono contenere grandi concentrazioni. Ma quando si deve tradurre questa conoscenza in comportamenti la situazione non è così positiva. Quando gli autori hanno domandato la frequenza di consumo di pesce spada o tonno durate la gestazione, solo tre quarti hanno risposto che è meglio evitare, e solo il 53,7% ha detto di sapere che anche quelli acquistati nei supermercati e nelle pescherie possono contenere mercurio.

Resta quindi molto da fare per spiegare meglio quali sono i pesci consigliabili, soprattutto per l’apporto di omega 3, e quali sarebbe meglio evitare, specialmente quando si vive in zone a rischio di contaminazione da mercurio.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

  Agnese Codignola

Agnese Codignola
giornalista scientifica

Guarda qui

Micro plastic.Small Plastic pellets on the finger.

Microplastiche: cosa sono, dove si trovano e che effetti hanno sulla salute. Tutto quello che si sa (e non si sa) spiegato dal BfR

Nello scorso mese di febbraio i tedeschi preoccupati per le microplastiche nel cibo erano il …

2 Commenti

  1. Avatar

    Chi vuole farsi una idea sui quantitativi circolanti di questo veleno c’è questo articolo
    https://www.eea.europa.eu/it/articles/il-mercurio-una-minaccia-persistente
    Nessuno può dirsi al sicuro a meno di non poter emigrare su Marte ma bisognerebbe vietarne più che sconsigliarne il consumo alle gestanti e ai bambini piccoli.

  2. Avatar

    Tra i pericoli accertati negli ultimi quindici anni dal Controllo Ufficiale e riportati sul portale del RASFF, (per I prodotti ittici), la presenza di metalli pesanti è saldamente al primo posto.
    Molto raramente e nella grande distribuzione, si possono osservare dei warning rivolti ai consumatori in prossimità delle pescherie.
    Mai, per quanto mi consta, sui mercati.
    Bisognerebbe rendere obbligatoria questo tipo di informazione a tutela delle categorie vulnerabili, anche in funzione della confusione che interessa la denominazione degli squaliformi, identificati con nomi “più familiari” e venduti in tranci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *