Home / Sicurezza Alimentare / La mozzarella blu prodotta in Trentino viene ritirata dal commercio. E` stata venduta in Francia e Germania

La mozzarella blu prodotta in Trentino viene ritirata dal commercio. E` stata venduta in Francia e Germania

Il baricentro  nella vicenda della Mozzarelle blu si è  spostato dalla Germania all’Italia. Se nella prima fase della crisi le accuse erano rivolte ad un’azienda tedesca che ha invaso i supermercati di mezza Europa, adesso sotto i riflettori c’è il caseificio Fiavé Pinzolo di Rovereto in Trentino. Cinque giorni fa si è scoperto che il batterio Pseudomonas aeruginosa, responsabile della colorazione blu, ha colpito una partita di latticini confezionnti nello stabilimento. I giornali locali riferiscono che venerdì il direttore ha disposto in via preventiva l’interruzione della produzione, il ritiro dagli scaffali e l’immediato smaltimento. Il problema dovrebbe riguardare il  “liquido di governo” utilizzato per confezionare il prodotto. Il caso  è stato segnalato il 6 luglio anche al sistema di allerta Rasff di Bruxelles, perché la mozzarella era distribuita oltre che in Italia anche in Francia  e Germania. Nella  scheda si dice che il  prodotto potrebbe essere ancora in circolazione.  L’episodio dimostra che la campagna portata avanti da Coldiretti e da altre istituzioni nei confronti della mozzarella tedesca è stata pretestuosa. La qualità per gli alimenti che non sono Dop o Igp come la mozzarella non dipende dall’origine, ma dalla materia prima e dal sistema di lavorazione e purtroppo gli incidenti non hanno confini. Per dovere di cronaca ricordiamo che il 6 luglio è stata inviata al sistema di allerta europeo una seconda  segnalazione , questa volta si parla di ricotta italiana contaminata da Bacillus cereus  distribuita  in Gran Bretagna.

Altri post sulla vicenda 

 

Avatar

Guarda qui

alimenti cibo dieta verdure pollo pesce salute

Aumentano le notifiche al sistema di allerta Rasff. Nel rapporto 2019 boom di segnalazioni per la Salmonella nel pollo dalla Polonia

Nel 2019 sono tornate a crescere le notifiche trasmesse attraverso il Sistema di allerta rapido …