Home / Sicurezza Alimentare / Usa, illegali gli integratori a base di caffeina pura o altamente concentrata venduta sfusa. Troppi i rischi di errore per i consumatori

Usa, illegali gli integratori a base di caffeina pura o altamente concentrata venduta sfusa. Troppi i rischi di errore per i consumatori

Sport supplement, creatine, hmb, bcaa, amino acid or vitamin mesure with powder. Sport nutrition concept. caffeina integratore alimentareLa Food and Drug Administration (FDA) statunitense ha dichiarato illegali gli integratori alimentari contenenti caffeina pura o altamente concentrata in polvere o in forma liquida, se vengono venduti sfusi direttamente ai consumatori in contenitori che contengono fino a migliaia di porzioni raccomandate. La FDA si dichiara pronta ad intraprendere azioni per rimuovere questi prodotti dal mercato, anche da quello online.

La decisione della FDA è motivata dalla “notevole preoccupazione per la salute dei consumatori”, anche in seguito alle morti avvenute nel 2014 di due giovani di 18 e 24 anni, deceduti a distanza di un mese a causa di sovradosaggi involontari di prodotti con un’alta concentrazione di caffeina, che vengono venduti come dimagranti e miglioratori della prestazione sportiva. La FDA osserva che spesso la dose raccomandata di prodotti contenenti caffeina altamente concentrata o pura è di 200 mg, il che equivale a 1/16 di cucchiaino da tè, se il prodotto è in polvere, e a circa 2,5 cucchiaini se è liquido. Nonostante queste piccole dosi da assumere, che spesso i consumatori non hanno gli strumenti giusti per calcolarre, gli integratori a base di caffeina altamente concentrata in polvere sono venduti in grandi contenitori e quelli liquidi in bottiglie che possono contenerne anche circa quattro litri. La FDA evidenzia come basta sbagliare il calcolo di una singola dose per andare incontro a effetti dannosi.

integratori sportivo muscoli
Gli integratori ad alta concentrazione di caffeina sono pubblicizzati come dimagranti e miglioratori della prestazione sportiva

La FDA afferma che la caffeina può essere un ingrediente di un integratore alimentare, se formulata e commercializzata in modo appropriato, in modo da ridurre i rischi per la sicurezza, come è il caso di quelli venduti in capsule o in contenitori premisurati.

Nell’Unione europea, non esiste una norma simile a quella adottata dalla FDA statunitense. Nel settore degli integratori alimentari, misure comuni sono previste solo per l’impiego di vitamine e minerali e non per le altre sostanze ammesse, come la caffeina, per la quale non è pertanto definito a livello europeo un limite di apporto. Nel maggio 2015, l’Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa) ha pubblicato il proprio parere scientifico sulla sicurezza dell’assunzione alimentare di caffeina, indicando che per il consumatore medio adulto l’assunzione giornaliera da tutte le fonti non dovrebbe superare i 400 mg, di cui non più di 200 mg con una singola razione. Nella donna in gravidanza e durante l’allattamento l’apporto giornaliero complessivo di caffeina non dovrebbe superare i 200 mg.

Sulla base di questo parere, il 22 febbraio 2017 la Direzione generale per l’igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione del Ministero della salute ha fissato in 200 mg l’apporto massimo giornaliero di caffeina con gli integratori alimentari, stabilendo che nelle avvertenze in etichetta sia indicato anche l’allattamento, oltre al già previsto avviso che “l’impiego non è raccomandato per i bambini e durante la gravidanza“.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

topo cucina piatto igiene padella

Bassi standard igienici nei ristoranti di Just Eat e Deliveroo. L’inchiesta della BBC

Quando si va al ristorante può capitare di trovare le tovaglie macchiate, le posate sporche, …

Un commento

  1. Avatar

    Siamo arrivati al punto da non sapere più cosa mangiare cosa utilizzare è pazzesco