Home / Sicurezza Alimentare / Giappone: carne di manzo radioattivo finisce in negozi e ristoranti. Il governo assicura che non c`è pericolo, ma ordina ispezioni a tappeto

Giappone: carne di manzo radioattivo finisce in negozi e ristoranti. Il governo assicura che non c`è pericolo, ma ordina ispezioni a tappeto

Anche se i riflettori dei media internazionali sono quasi spenti, la situazione in Giappone è tutt’altro che sotto controllo. Undici capi di bestiame provenienti da Minamisoma, una zona a circa 20 chilometri dai confini dell’area di interdizione attorno alla centrale di Fukushima, sono risultati contenere cesio radioattivo in concentrazioni fino a sei volte superiori a quelle consentite, e cioè comprese tra i 1.530 e i 3.200 becquerel per chilo, contro i 500 considerati limite massimo per non avere conseguenze sulla salute umana.

Il caso delle mucche di Miniasoma è il primo che mette in luce una contaminazione nella carne dopo quelle riscontrate in pesci, verdure e tè verde, e anche se gli animali in questione sono custoditi nei laboratori di Tokyo, altri cinque capi dello stesso allevamento sono stati venduti tra il 30 maggio e il 30 giugno; in totale, 1.438 chili di carne contaminata sono stati distribuiti a negozi e ristoranti di 12 prefetture comprese quelle di Tokyo e Osaka. Il Governo, che ha rassicurato i consumatori affermando che piccole quantità di carne con isotopoi non possono rappresentare un serio pericolo per la salute, sta ora cercando di rintracciare tutte le carni al cesio e ha ordinato ispezioni a tappeto sulla pelle di tutti i manzi provenienti dalla zona e destinati al mercato, pur ammettendo che i controlli possono essere soltanto a campione.

Tuttavia, la storia dei manzi al cesio è esemplare: gli allevatori avevano infatti affermato, di fronte agli ispettori della prefettura di Fukushima, di non aver utilizzato alcun mangime contaminato per nutrire i capi, ma test successivi hanno messo in luce la presenza, in quegli stessi mangimi, di cesio in concentrazioni fino a 56 volte superiori ai limiti consentiti; non è stata quindi una sorpresa scoprire che gli animali avevano assunto isotopi. Piuttosto, ciò indica che la situazione, ancora una volta, è probabilmente peggiore del previsto.

Agnese Codignola

foto: Photos.com

 

Guarda qui

Vaiolo delle scimmie, per l’Anses non si può escludere la trasmissione per via alimentare

Non si può escludere che il vaiolo delle scimmie possa trasmettersi anche attraverso alimenti contaminati. …