Home / Sicurezza Alimentare / McDonald’s ritira in Francia insalata Chicken Caesar contaminata dalla Listeria. Le informazioni ai consumatori date dopo due settimane e inaccessibili dall’Italia

McDonald’s ritira in Francia insalata Chicken Caesar contaminata dalla Listeria. Le informazioni ai consumatori date dopo due settimane e inaccessibili dall’Italia

McDonald'sDopo il ritiro delle insalate in circa tremila suoi ristoranti del Midwest statunitense, perché collegate a un’epidemia causata dal parassita Cyclospora, McDonald’s ha ritirato in Francia le insalate “Chicken Caesar”, a causa di una contaminazione dal batterio Listeria monocytogenes. Le insalate sono state vendute dal 9 al 14 luglio in molti ristoranti McDonald’s francesi ma il ritiro è scattato il 15 luglio. Il lotto proveniva dal fornitore ufficiale Florette Food Services.

McDonald’s ha diffuso la notizia  il 1° agosto, due settimane dopo il primo ritiro,  con un comunicato e avvisi sul sito e nei ristoranti . La società invita i clienti che hanno consumato la  nei ristoranti tra il 9 e il 14 luglio a mettersi in contatto con il servizio clienti al numero 0800 000 175 e consiglia “come misura precauzionale e solo in caso di febbre, isolata o accompagnata da mal di testa” di consultare un medico, perché possono essere sintomi della listeriosi, “una malattia che può essere grave e il cui periodo di incubazione può arrivare sino a otto settimane”.

Purtroppo, il sito francese di McDonald’s non è visibile dall’Italia e quello italiano non pubblica l’avviso, impedendo così a chi ha viaggiato in Francia di essere informato. Secondo quanto scrive il sito Riviera24, tra Costa Azzurra e Principato di Monaco sono dieci i McDonald’s che hanno venduto il lotto di insalata contaminata, compreso il fast food di Mentone, al confine con l’Italia.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

borraccia borracce acqua ambienteplastica alluminio acciaio

Viva le borracce! Ma attenzione alle istruzioni per usarle correttamente

Le borracce sono indubbiamente la moda del momento: colorate, comode, utili e soprattutto ecologiche. Se …