Home / Sicurezza Alimentare / Assoluzione del fluoro nell’acqua potabile: non ha effetti negativi sullo sviluppo dei bambini e abbatte il rischio di carie

Assoluzione del fluoro nell’acqua potabile: non ha effetti negativi sullo sviluppo dei bambini e abbatte il rischio di carie

Donna con spazzolino denti
L’aggiunta di fluoro fa diminuire il rischio di carie tra i bambini, gli adolescenti e gli adulti di una percentuale compresa tra il 26 ed il 44%.

Il fluoro nell’acqua potabile non ha alcun effetto negativo sullo sviluppo intellettivo dei bambini, non aumenta il rischio di cancro, non danneggia i reni, le ossa e non dà tossicità evidenti, sempre che la concentrazione si mantenga entro livelli accettabili. È un’assoluzione piena quella che arriva dall’Australia e, nello specifico, dall’Australia’s National Health and Medical Research Council, che ha voluto mettere la parola fine alle leggende metropolitane con un corposo rapporto. L’intento è di rassicurare i cittadini sottolineando l’unico effetto del fluoro: abbattere il rischio di carie. Per giungere al responso i ricercatori hanno vagliato per oltre due anni, più di 3.000 studi pubblicati negli ultimi 60, tutti preventivamente giudicati di buona qualità. Alla fine il fluoro è risultato associato solo a effetti positivi. In particolare, nel rapporto si dice che:

  • L’aggiunta di fluoro fa diminuire il rischio di carie tra i bambini, gli adolescenti e gli adulti in una percentuale compresa tra il 26 ed il 44%.
  • Il fluoro non ha effetto sul quoziente intellettivo di adulti e bambini.
  • Il fluoro non aumenta il rischio di cancro, sindrome di Down, tumori ossei quali l’osteosarcoma e tumori delle parti molli quali il sarcoma di Ewing, né sulle fratture.
  • I dati pubblicati a oggi non consentono di attribuire una responsabilità all’aumento di patologie renali croniche, malattie cardiovascolari, ipertensione, calcoli renali, basso peso alla nascita, osteoporosi, dolori muscolo-scheletrici, malattie della tiroide, insonnia, cefalea, mal di stomaco.
  • In situazioni specifiche, il fluoro può dare origine a una fluorosi, una leggera decolorazione  dei denti,  reversibile e senza conseguenze sulla salute dei denti.
acqua potabile fluoro
Il fluoro dell’acqua potabile è stato scagionato: non causa ritardo dello sviluppo nei bambini né tumori

Naturalmente tutto dipende dalle concentrazioni. In Australia la concentrazione di fluoro naturale nelle acque è molto bassa e per questo il minerale viene aggiunto all’acqua potabile. Nel 2007 sono state effettuate aggiunte fino a un livello compreso tra 0,6 e 1 mg/litro. I dubbi sulla sicurezza, per lo più nascono da studi condotti negli anni scorsi in India e Cina, e da una metanalisi del 2012 incentrata sui bambini ed effettuata dai ricercatori di Harvard. In tutti questi casi si trattava di popolazioni residenti in zone a elevatissima concentrazione di fluoro, attorno ai 20 mg/litro, ed esposte spesso anche anche ai vapori di fluoro derivanti da lavorazioni industriali. La neurotossicità a dosi normali non è mai stata confermata.

rubinetto acqua
In Italia la concentrazione naturale di fluoro nell’acqua potabile è ritenuta soddisfacente

In Italia non ci sono provvedimenti specifici e normative (secondo quanto riferisce l’Istituto Superiore di Sanità), perché  la concentrazione naturale di fluoro è ritenuta soddisfacente (circa 1 mg/l). Nel rapporto australiano si fanno anche i conti, se aggiungere fluoro costa tra 0,11 a 4,92 dollari a persona, il risparmio in cure odontoiatriche e ore lavorative è compreso tra 5,49 e 93,19 dollari a persona. In altri termini, per ogni dollaro speso se ne risparmiano tra i 7 e i 18, e regioni come quella di Victoria, dove la fluorurazione delle acque è iniziata più di 25 anni fa, il risparmio ammonta a oltre un miliardo di dollari tra cure dentarie evitate e giorni di scuola e lavoro non persi.

  Agnese Codignola

Agnese Codignola
giornalista scientifica

Guarda qui

A handful of turmeric capsules with the contents of one spilled

Integratori a base di curcuma tutti assolti: nessuna contaminazione. Il ministero della Salute richiede avvertenze per le persone a rischio

Dopo due mesi e mezzo si sono concluse le indagini sugli integratori a base di …

2 Commenti

  1. Il fluoro però non è solo nell’ acqua del rubinetto, ma anche nei dentifrici, medicinali e anche bevande ecc.
    il limite è 2mg al giorno. 2 litri d’acqua al giorno, più il resto. si superano i limiti certamente . Che poi faccia bene ai denti visto fluorosi ecc. mahhhh !!!

  2. il fluoro ha effetti dannosi sulla ghiandola pineale. se io mangio correttamente non ho bisogno del fluoro.