Home / Sicurezza Alimentare / Etossichina: L’Efsa non decide sulla sicurezza di questo additivo nei mangimi. Impossibile anche valutare i rischi per i consumatori e l’ambiente

Etossichina: L’Efsa non decide sulla sicurezza di questo additivo nei mangimi. Impossibile anche valutare i rischi per i consumatori e l’ambiente

etossichina mangimi
L’etossichina usata come additivo nell’alimentazione degli animali

L’Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa) non è riuscita a trarre conclusioni sulla sicurezza dell’etossichina usata come additivo nell’alimentazione degli animali, né sulla sua sicurezza per i consumatori e l’ambiente. Ciò è dovuto a una carenza di dati necessari per valutare la sicurezza della sostanza e dei metaboliti, oltre alla  presenza di un’impurità (la p -fenetidina), ritenuta un possibile mutageno. L’etossichina è usata anche per impedire la combustione spontanea della farina di pesce durante il trasporto via mare.

Come sostanza in sé, l’etossichina non è considerata genotossica. L’Efsa però ha scoperto che uno dei suoi metaboliti, l’etossichina-chinone-immina, potrebbe essere genotossica, cioè danneggiare il DNA. Il problema è che al termine del processo di fabbricazione questo additivo per mangimi rimane come impurità la p -fenetedina.

pere frutta 177411339
L’Ue ha già di fatto vietato l’etossichina su mele e pere in funzione di antiriscaldo

La valutazione è stata condotta su richiesta della Commissione europea, nel quadro della procedura di valutazione ex novo che è in corso su tutti gli additivi per mangimi già autorizzati.

L’Unione europea ha già di fatto vietato, ponendo un limite massimo vicino allo zero, l’utilizzo dell’etossichina nella conservazione di mele e pere in funzione di antiriscaldo. Come riferito in un articolo di un anno fa de il Fatto Alimentare, l’ultima revisione sulla sicurezza ha concluso che non è possibile escludere una pericolosità, nel senso di una potenziale genotossicità (cioè danno al genoma del feto e non solo)  dell’etossichina, dei metaboliti e di eventuali impurezze.

© Riproduzione riservata

sostieniProva2Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal): clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

alimenti cibo dieta verdure pollo pesce salute

Aumentano le notifiche al sistema di allerta Rasff. Nel rapporto 2019 boom di segnalazioni per la Salmonella nel pollo dalla Polonia

Nel 2019 sono tornate a crescere le notifiche trasmesse attraverso il Sistema di allerta rapido …