Home / Sicurezza Alimentare / Eliminare gli interferenti endocrini, è l’obiettivo di “Life Edesia”, il progetto europeo che punta a sostituire queste sostanze pericolose

Eliminare gli interferenti endocrini, è l’obiettivo di “Life Edesia”, il progetto europeo che punta a sostituire queste sostanze pericolose

LIFE-EDESIA interferento endocrini iss
L’obiettivo del progetto Life Edesia è trovare soluzioni alternative agli interferenti endocrini

Trovare soluzioni alternative e sicure per sostituire gli interferenti endocrini, sostanze potenzialmente pericolose e usati in moltissimi ambiti tra cui quello degli imballaggi alimentari: questo l’obiettivo di LIFE-EDESIA (Endocrine disruptors in silico/in vitro – Evaluation and Substitution for Industrial Applications), progetto europeo coordinato dall’Istituto Superiore di Sanità e finanziato parzialmente dalla Commissione Europea*.

Gli interferenti endocrini sono sostanze come il famoso bisfenolo A, gli ftalati e i parabeni, tecnologicamente utili nella produzione di plastiche ma altrettanto preoccupanti per la loro capacità di alterare il sistema endocrino, ponendo a rischio i consumatori.

 

biberon bambini bpa 160445924
Esiste già una lista di sostanze potenzialmente sostitutive, ma spesso mancano dati e studi approfonditi in merito alla loro eventuale tossicità

I ricercatori europei lavoreranno per individuare alternative ai tre gruppi di sostanze che siano più sicure ai fini della tutela della salute umana e altrettanto valide per gli usi industriali. Esiste già una lista di sostanze potenzialmente sostitutive, ma spesso mancano dati e studi approfonditi in merito alla loro eventuale tossicità.

Proprio per questo motivo, il primo passo del progetto sarà quello di sviluppare studi in vitro e mediante l’uso di software per valutare la reale attività di interferenza endocrina delle sostanze candidate alla sostituzione.

 

L’obiettivo è identificarne da tre a cinque per ognuno dei tre gruppi di sostanze considerate, e di valutarne il possibile impatto sulla sicurezza dei prodotti negli specifici settori considerati (materiali a contatto con gli alimenti, cosmetici, plastiche utilizzate nei dispositivi medici). Il passo successivo sarà la valutazione di prodotti veri e propri e prototipi che saranno poi confrontati con gli analoghi prodotti normalmente in uso.

 

silicone plastica utensili cucina stampi 156682342
Le sostanze pericolose compaiono nei materiali a contatto con gli alimenti, cosmetici, e oggetti di plastica dei dispositivi medici

Tra i partner troviamo l’Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri e l’Università di Napoli “Federico II”. Tra gli stakeholder invece il Centro Comune di Ricerca Europeo (JRC), l’European Food Safety Authority (EFSA) e l’European Chemicals Agency (ECHA).

Un’iniziativa interessante che coinvolgerà, secondo i dati presentati dall’ISS, organizzazioni governative italiane ed europee, istituti di ricerca, organizzazioni No Profit, imprese private e associazioni di categoria: tutti interlocutori interessati al problema degli interferenti endocrini.

 

Attraverso LIFE-EDESIA, ancora una volta l’Italia sembrerebbe confermare il proprio ruolo di leader europeo nel campo della sicurezza  alimentare grazie anche a una legislazione attiva sul territorio fin dal 1973 e articolatasi nel corso degli anni; i risultati del progetto sono attesi per il mese di Giugno 2016.

 

* Total budget 1,205,464.00 € //EU contribution 602,731.00 €

 

Luca Foltran

© Riproduzione riservata

Foto: Fotos.com

  Luca Foltran

Luca Foltran
esperto sicurezza dei materiali

Guarda qui

12.000 confezioni di integratori sequestrate dai Nas. Attenzione agli acquisti online. Ne parliamo con Luca Bucchini, esperto di sicurezza e normativa

Lo scorso mese di novembre il Nas di Livorno ha sequestrato quasi 12.000 confezioni di …