Home / Nutrizione / Latte per lattanti e di proseguimento: l’Efsa approva l’utilizzo di fonti proteiche da latte vaccino, di capra e di soia

Latte per lattanti e di proseguimento: l’Efsa approva l’utilizzo di fonti proteiche da latte vaccino, di capra e di soia

latte artificiale
Il latte per lattanti e quello di proseguimento possono essere utilizzati anche dopo l’anno e fino al terzo

L’Efsa apre una consultazione pubblica per ottenere pareri in merito all’ultimo documento sul latte artificiale, in cui si afferma che le fonti proteiche da latte vaccino, di capra e di soia sono adatte per la formulazione del latte primi mesi e di proseguimento. Si tratta di una opinione dell’Efsa che verrà poi utilizzata dal Parlamento europeo per aggiornare la normativa e quindi la “ricetta” del prodotto. Per orientarsi meglio conviene fare un breve riepilogo e ricordare che il latte artificiale comprende tre tipologie in relazione all’età del bambino e alla composizione del preparato. Si inizia con il latte per lattanti, ossia la formula per i primi mesi fino al sesto, poi si usa quello di proseguimento (fino al primo anno) e, infine, il latte di crescita, utilizzato per sostituire quello vaccino o di capra fino ai tre anni. Questi prodotti sono da preferire in caso non sia possibile dare al bambino il latte materno o durante lo svezzamento.  Dopo l’ultimo documento del 2003, l’Efsa ha ritenuto doveroso aggiornare alcuni concetti sulla composizione proteica del latte. L’Autorità ha quindi stabilito quanto deve essere il carico di proteine oltre ai valori minimi e massimi dei nutrienti che dovrebbero comporre il latte artificiale compreso i riferimenti a grassi, carboidrati, vitamine e sali minerali.

Per quanto riguarda il latte di crescita (utilizzabile 1 sino ai tre anni), lEfsa si era già pronunciata a fine ottobre affermando che non è migliore rispetto a quello vaccino e che una dieta corretta è il modo più efficace per garantire al bambino tutti i nutrienti necessari alla crescita. In questo parere, si dice che dopo l’anno non ci sono giustificazioni tali da suggerire una composizione specifica per il latte di crescita. Le formule per lattanti e di proseguimento possono essere utilizzate indifferentemente dopo l’anno. L’Autorità per la sicurezza alimentare non condivide infine la tendenza ad arricchire di elementi nutritivi il latte artificiale per favorire la crescita: non serve eccedere, ma bisogna solo garantire i giusti livelli minimi per coprire il fabbisogno, senza affaticare fegato e reni.

mucche allevamento latte mungere
Proteine particolari o di nuova introduzione devono essere valutate da studi clinici

Cosa suggerisce l’Autorità in caso di fonti proteiche differenti rispetto a quelle permesse e valutate scientificamente? La sicurezza deve essere stabilita attraverso test clinici, così come avviene in caso di formulazioni che sfruttano le proteine idrolizzate, utili per bambini allergici alle proteine del latte o intolleranti al lattosio. Non sono inoltre necessari alcuni supplementi nel latte di proseguimento come l’acido arachidonico, eicopentaesanoico (EPA),  il cromo, la taurina, gli olisaccaridi, i probiotici o i simbiotici. Infine, l’apporto calorico giornaliero suggerito non deve andare superare le 500 kcal.

© Riproduzione riservata

  Eleonora Viganò

redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

piatto di spaghetti

Troppe calorie nei piatti di ristoranti e fast food. La maggior parte dei pasti fuori casa supera i limiti raccomandati. E occhio agli spuntini sul lavoro

La causa principale del sovrappeso e dell’obesità è l’eccesso di calorie assunte, non solo a …

5 Commenti

  1. Quindi da un anno in poi i bambini possono bere tranquillamente il latte fresco intero pastorizzato che bevono gli adulti?
    Grazie per la risposta.

    • Eleonora Viganò

      Gentile Giuseppe,
      secondo il parere di molti pediatri dopo un anno i bambini possono bere il latte fresco intero pastorizzato.
      Grazie a lei!

  2. Si, a partire da un anno di età i bambini possono bere latte vaccino nonostante molti pediatri molto attaccati ai bei regali che offrono le case produttrici preferiscano far bene dell’inutile “latte di proseguimento”….

  3. Giuseppe, e perché no ? lo hanno sempre detto e consigliato nutrizionisti e pediatri da diverse decine d’anni, e così hanno fatto le mamme, magari aggiungendo un po’ di zucchero o un biscotto, si sono “svezzati” così milioni di bambini: vi pare che siano cresciuti male?

  4. Ta questo proposito trovo assolutamente fuorvianti le nuove pubblicità sul nuovo latte di crescita dopo i 12 mesi realizzato da diverse case produttrici,in cui viene aggiunto un imprecisato componente studiato apposta nei loro laboratori di ricerca, piú l’aggiunta delle solite vitamine
    Quello che mi chiedo é a cosa serva questa aggiunta di latte se il bambino dopo l’anno tendenzialmente mangia già di tutto se non ad aumentare gli introiti di queste case inculcare la necessità di somministrare questo nuovo latte per una migliore crescita e rischiando di far adottare errate aggiunte alimentari pro-obesitá .