Home / Nutrizione / Carnitina: quando la carne è troppa o gli integratori ne contengono tanta si favorisce l’accumulo di colesterolo nelle arterie.

Carnitina: quando la carne è troppa o gli integratori ne contengono tanta si favorisce l’accumulo di colesterolo nelle arterie.

carneUna nuova ricerca pubblicata su Nature Medicine (Intestinal microbiota metabolism of L-carnitine, a nutrient in red meat, promotes atherosclerosis) rivolge l’attenzione alla relazione tra alimentazione umana, flora batterica intestinale e salute. Il gruppo di ricerca,  diretto da Stanley Hazen della Cleveland Clinic in Ohio (Usa), ha valutato il destino della carnitina e i suoi effetti sul metabolismo del colesterolo.

Lo studio è stato condotto su modelli animali e sull’uomo e si è inserito in un più ampio filone di ricerca, volto a indagare i meccanismi molecolari alla base della maggiore incidenza di patologie cardiovascolari in soggetti che assumono quantità elevate di carne rossa.

 

carne arrosto affettareI ricercatori hanno indagato l’effetto della carnitina, un composto azotato presente in diversi tipi di carne, somministrando L-carnitina  a 77 volontari, e registrando come il suo consumo sia in grado di aumentare i livelli ematici di trimetilammina-N-ossido (TMAO). Tale sostanza ha un effetto sul metabolismo del colesterolo, in particolare ne rallenta la rimozione, favorendone l’accumulo sulle pareti delle arterie (nel 2011, lo stesso gruppo di ricerca aveva collegato la formazione di TMAO anche all’apporto di lecitina, molecola molto diffusa negli alimenti).

I ricercatori hanno ipotizzato che un’assunzione regolare di carne favorirebbe la crescita di batteri intestinali in grado di trasformare la L-carnitina in TMAO.

 

r-134156168-carne-crudaI risultati  dovrebbero far riflettere non solo gli amanti della carne, ma le persone abituate ad assumere prodotti e integratori contenenti L-carnitina che promettono la perdita di peso o il miglioramento delle prestazioni atletiche, il più delle volte senza evidenze scientifiche.

 

La molecola non proviene solo dalla dieta, ma è presente nel corpo umano soprattutto nei muscoli scheletrici e nel cuore e viene sintetizzata dal nostro organismo nel fegato e nei reni a partire da due aminoacidi, lisina e  metionina, in presenza di vitamine B6, vitamina C e ferro. La carnitina svolge un ruolo importante nel metabolismo ossidativo degli acidi grassi poiché permette il loro trasporto attraverso le membrane dei mitocondri.

 

L’apporto medio con la dieta varia tra i 60 e i 180 mg al giorno in funzione della dieta; i livelli nei diversi alimenti sono riassunti nella seguente tabella:

 

FONTI DI CARNITINA IN DIVERSI ALIMENTI (in mg per 100 g o 100 ml)
Bistecca di manzo 95 mg
Carne macinata di manzo 94 mg
Carne di maiale 27,7 mg
Pancetta 23,3 mg
Tempeh 19,5 mg
Baccalà 5,6 mg
Petto di pollo 3,9 mg
Latte intero 100 ml 3,3 mg
Pane integrale 0,36 mg
Asparagi 0,195 mg
Burro di arachidi 0,083 mg
Uova 0,0121 mg
Succo d’arancia 0,0019 mg

 

 Gianna Ferretti 

autore del blog Trashfood e docente presso l’istituto di Biochimica della Facoltà di Medicina e Chirurgia e della Scuola di Specializzazione in  Scienze dell’Alimentazione dell’ Università Politecnica delle Marche
© Riproduzione riservata

Foto: Photos.com

  Gianna Ferretti

Gianna Ferretti
docente Università Politecnica delle Marche

Guarda qui

obesità sovrappeso diete ragazzi adolescenti

Adolescenti francesi sempre più grassi: determinante anche l’ineguaglianza sociale

Gli adolescenti francesi, così come quelli di altri paesi industrializzati, stanno diventando sempre più grassi. …

3 Commenti

  1. Avatar
    Filippo Bertuzzi

    Finalmente ci siete arrivati anche voi?
    Purtroppo è stato tutto smontato,gli studi sono incocludenti e controversi.In certi casi la produzione di TMAO è piu’ alta nei vegetariani.E allora?

  2. Avatar

    Buonasera Filippo, esistono numerosi studi sulla diversa composizione della flora batterica in funzione della dieta e anche tra soggetti onnivori e vegetariani. In relazione alla TMAO si formerebbe non solo dal metabolismo della carnitina ma anche della colina,qui trovi alcuni riferimenti…
    http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/23614584
    http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/23518648
    A quali studi ti riferivi invece tu nel commento?

  3. Avatar

    Classico esempio di scienza-spazzatura.

    Le assunzioni fatte, la maniera di gestire l’esperimento e ovviamente il fatto che bisogna a tutti i costi demonizzare la carne perché è così che è di moda, ha portato al controverso risultato. Poi la maniera di filtrare l’informazione e di sbattere in prima pagina il risultato a titoloni ha creato l’allarme. Ho notato con dispiacere che ci sono cascati anche parecchi “scienziati”…