Home / Nutrizione / In Usa anche cani e gatti sono obesi. Ma per i padroni va tutto bene. Ennesima spia di un’epidemia dilagante

In Usa anche cani e gatti sono obesi. Ma per i padroni va tutto bene. Ennesima spia di un’epidemia dilagante

Negli Stati Uniti, il 54% degli animali domestici è sovrappeso, ma i padroni non se ne rendono conto. È il risultato di una grande indagine nazionale condotta dalla Association for Pet Obesity Prevention (Apop), secondo la quale il 53 per cento dei cani e il 55 per cento dei gatti sono classificati come soprappeso o obesi dai loro veterinari. In totale 88,4 milioni di animali domestici troppo grassi. Ma secondo Ernie Ward, il fondatore dell’Apop, «il 22% dei padroni di cani e il 15% dei gatti grassi ritiene che il peso dei loro animali sia assolutamente normale». Tanto che se oggi è classificato come obeso il 24.9% dei gatti e il 21.4% dei cani, un anno fa le percentuali erano rispettivamente del 21.6 e del 20.6 .

La notizia di per sé sembra buffa. Ma se proviamo ad andare oltre le semplici apparenze, la possiamo considerare come l’ennesima conferma di come nel mondo Occidentale l’epidemia di obesità – e ora stiamo parlando di quella che colpisce gli esseri umani – dilaghi sempre di più. Lo stesso Ward, del resto, ha commentato:  «In molti casi il problema degli animali domestici è correlato all’obesità dei loro padroni».

Ci si permetta il paragone: lo stesso fenomeno, cioè la mancanza di riconoscimento dell’esistenza di un problema serio di salute, si verifica  tra i genitori italiani di bambini con troppi chili in più. Il bimbo cicciotello spesso viene visto dalla mamma come “molto  grande per la sua età”, straordinariamente “mangione” e dotato di un positivo e sano “buon appetito che lo fa crescere a vista d’occhio”. Risultato: i piccoli italiani sono i più grassi d’Europa, e patologie metaboliche da “mezza e terza età”, come ipertensione e diabete, colpiscono sempre più spesso nella prima infanzia.

E in effetti, anche Ward sottolinea: «I risultati sono una spia importante anche per quanto riguarda l’obesità infantile. Quando visito un animale domestico sovrappeso, vedo anche un bambino a rischio obesità perché significa che in quella casa nessuno fa movimento, nemmeno per portar fuori il cane. Il bambino sta tutto il giorno fermo a giocare con la playstation e il cane seduto sul tappeto. Ed entrambi si nutrono di schifezze».

Ovviamente il consiglio che vale per gli umani – mangiare meno, muoversi di più – vale anche per cani e gatti. Per altro, anche i cibi per animali oggi sono molto più ricchi di calorie di quanto fossero in passato, e i padroni tendono a rimpinzare i quattrozampe più di un tempo.

Il problema è che ai cuccioli, d’uomo o d’animale che siano, i chili in più fanno male, anzi malissimo. Cani e gatti sovrappeso soffrono di osteoartrite, diabete di tipo 2, ipertensione, problemi respiratori, malattie renali. E di una ridotta aspettativa di vita. Il Centro di medicina veterinaria della Food and Drug Administration ha commentato la notizia dicendo «Queste patologie che si riscontrano tra i cuccioli obesi sono molto simili a quelli che affliggono gli esseri umani soprappeso»

Il direttore della cattedra di Ricerca clinica della facoltà di veterinaria della University of Georgia Steve Budsberg sottolinea: «Veterinari e padroni possono fermare l’epidemia di obesità nei loro gatti e cani. Nessun animale apre da solo il frigo e si serve. Siamo noi che li facciamo diventare grassi».

Ecco: anche i bambini piccoli non sono capaci di aprire il frigo e servirsi da soli….

Mariateresa Truncellito

Foto: Photos.com

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

eco menu Greenpeace

Alimentazione sostenibile, il decalogo di Greenpeace, tra frutta e verdura di stagione e cibo ultra-trasformato

Mangiare alimenti gustosi, sani, ma anche sostenibili: un approccio alla dieta non sempre scontato, ma …