Home / Sicurezza Alimentare / Campylobacteriosi: gli appunti dell’IZSV per conoscere il rischio alimentare più diffuso in Europa ma sconosciuto agli italiani

Campylobacteriosi: gli appunti dell’IZSV per conoscere il rischio alimentare più diffuso in Europa ma sconosciuto agli italiani

Campylobacteriosi izsve 2011Secondo l’Autorità per la sicurezza alimentare europea  ( Efsa) la Campylobacteriosi è la prima causa di contaminazione alimentare in Europa con 198.252 casi, mentre la  Salmonella ne colleziona la metà (108.614) e  il dato risulta in diminuzione (-17%)

Per capire meglio cos’è e come si contrasta questa infezione alimentare l’Istituto zooprofilattico delle Venezie ha realizzato tempo fa un volumetto (vedi link) sull’argomento con molti consigli sul comportamento da tenere n cucina che vi proponiamo

Per ridurre il rischio di infezione da Campylobacter è necessario:
•    evitare il contatto degli alimenti crudi con quelli già cotti pronti per il consumo

•  non utilizzare gli stessi utensili per la preparazione di alimenti crudi e di alimenti  già pronti per il consumo

•    lavarsi adeguatamente le mani dopo aver toccato alimenti crudi

•   cuocere bene  le carni di pollo e di tacchino

•    non consumare frutti di mare crudi

•    lavare accuratamente i vegetali da mangiare crudi

•    adottare adeguate precauzioni o misure igieniche in caso di contatto con  animali

•    bollire il latte crudo prima di berlo

•    bere esclusivamente acqua potabile o sottoposta ad adeguato trattamento di potabilizzazione

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

cibo grida paura allerta frode 177789713

Microplastiche e antibiotico-resistenza fanno paura ai consumatori tedeschi. Sottovalutati Campylobacter e igiene in cucina

I consumatori tedeschi temono alcuni tipi di contaminazioni e l’inquinamento ambientale, ma sanno poco riguardo …