Home / Sicurezza Alimentare / Allergie alimentari: un farmaco riduce il rischio di shock anafilattico in bambini e ragazzi. Lo studio dell’ospedale Bambino Gesù

Allergie alimentari: un farmaco riduce il rischio di shock anafilattico in bambini e ragazzi. Lo studio dell’ospedale Bambino Gesù

allergia allergeniUn farmaco può ridurre il rischio di shock anafilattico nelle allergie alimentari. È quanto hanno scoperto i ricercatori in allergologia dell’ospedale pediatrico Bambino Gesù, che hanno osservato le reazioni a vari allergeni alimentari di alcuni bambini e ragazzi durante la terapia con un farmaco per l’asma allergica, l’omalizumab. I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista Journal of Allergy and Clinical Immunology: In Practice.

Le allergie alimentari colpiscono il 5% dei bambini, con un picco nei primi tre anni di vita, e sono scatenate dalle proteine contenute in alcuni cibi, come uova, latte, frumento e nocciole: basta l’ingestione, il contatto o l’inalazione di una piccolissima quantità dell’alimento allergizzante per scatenare sintomi come orticaria, gonfiore, prurito, tosse e crollo della pressione del sangue. Lo shock anafilattico è la manifestazione più grave di queste patologie ed è 10 volte più frequente in età pediatrica che tra gli adulti.

Lo studio ha coinvolto 15 tra bambini e ragazzi di età compresa tra i 6 e i 18 anni, che soffrono di allergie alimentari complesse, cioè a due o più cibi contemporaneamente, e di asma allergica. E proprio a causa dell’asma, i partecipanti hanno iniziato la terapia con l’omalizumab: nei tre anni dello studio, i ricercatori hanno preso nota di tutte le reazioni al cibo occorse per verificare se il farmaco potesse essere utile anche contro le allergie alimentari.

E così è stato. Dai risultati dello studio è emerso un aumento della tolleranza agli allergeni e una riduzione del rischio di shock anafilattico: durante lo studio, infatti, sono stati osservati solo due reazioni allergiche ad assunzioni involontarie degli allergeni, contro le 47 registrate in precedenza. Grazie al farmaco è stato anche possibile reintrodurre nella dieta dei bambini il 70% degli alimenti testati, senza bisogno dell’immunoterapia orale, migliorando così la qualità della vita dei bambini.

Sulla base di questi risultati molto incoraggianti, si potrebbe aprire la strada a un uso di questo farmaco per il trattamento delle forme più gravi di allergia alimentare, anche in assenza di asma, ma solo dopo studi più approfonditi.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Giulia Crepaldi

Giulia Crepaldi

Guarda qui

Someone preparing tea

Tè alle microplastiche: ogni bustina in plastica rilascia miliardi di micro e nanoparticelle durante l’infusione

Miliardi di micro e nanoparticelle di plastica per ogni tazza di tè. Questo è quello …