Home / Sicurezza Alimentare / Additivi alimentari, il parlamento francese chiede di ridurli da 338 a 48 e propone l’etichetta a semaforo Nutri-score obbligatoria

Additivi alimentari, il parlamento francese chiede di ridurli da 338 a 48 e propone l’etichetta a semaforo Nutri-score obbligatoria

additivi alimentariDopo sei mesi di lavori e 40 audizioni, la commissione parlamentare d’inchiesta dell’Assemblea nazionale francese sull’alimentazione industriale ha depositato il rapporto finale, in corso di pubblicazione. Secondo quanto anticipato da FranceInfo, il rapporto contiene alcune proposte, la prima riguarda la riduzione degli additivi alimentari autorizzati dagli attuali 338 a 48 entro il 2025. In pratica, si tratterebbe di limitare l’utilizzo degli additivi a quelli oggi ammessi negli alimenti biologici.

La commissione parlamentare d’inchiesta propone anche una regolamentazione per limitare il contenuto di sale, zucchero e acidi grassi. L’obiettivo è adeguarsi gradualmente in cinque anni alle raccomandazioni dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms), in particolare per quanto riguarda il sale, (i  francesi ne consumano 10 – 12 grammi al giorno, mentre l’Oms raccomanda di non superare i 5).

Il rapporto suggerisce di rendere obbligatoria, anche se solo per gli alimenti industriali  francesi, l’etichetta nutrizionale semplificata Nutri-Score, che utilizza i colori per indicare la qualità nutrizionale degli alimenti. L’etichetta dovrebbe contenere anche una menzione sull’origine dei prodotti e sulla proporzione complessiva degli additivi. Infine, viene proposta l’introduzione obbligatoria di corsi di educazione alimentare nelle scuole e la definizione di criteri di qualità nutrizionale per le mense scolastiche e ospedaliere.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

Word STOP from colored pills and capsules on green background. Medicines and tablets kill

Gli integratori alimentari per le cartilagini sono pericolosi per diabetici, asmatici e allergici ai crostacei. Il parere dell’Anses

I diabetici, gli asmatici, chi è allergico ai crostacei, assume terapie anticoagulanti o deve stare …

Un commento

  1. E in Italia che si fa?