Home / Nutrizione / Ci si può fidare dell’acqua del rubinetto? Sì risponde l’Istituto superiore di sanità

Ci si può fidare dell’acqua del rubinetto? Sì risponde l’Istituto superiore di sanità

acqua, rubinetto aperto con bicchiere sotto a riempirsiIn Italia ci si può fidare a bere l’acqua del rubinetto? La risposta a questa domanda che molte persone si pongono la dà l’Istituto superiore di sanità in questa nota diffusa sul sito Issalute.it

L’acqua potabile destinata al consumo umano in Italia proviene per l’85% da acque sotterranee che sono naturalmente più protette rispetto alle acque superficiali. non tutti sanno che, prima di arrivare al rubinetto l’acqua è sottoposta a un rigoroso sistema di prevenzione e di controlli da parte delle Autorità di controllo ambientale, delle Autorità Sanitarie e dei gestori dei servizi idrici. La percentuale di campioni ‘conformi’ ai limiti di legge per i controlli ordinari è superiore al 99%. Si tratta della percentuale più alta rispetto alla media europea e, generalmente le ‘irregolarità’ non riguardano parametri considerare a  rischio per la salute. I problemi di qualità delle acque si sono verificati in aree circoscritte perché l’acqua proviene da corpi idrici (come un lago, un bacino artificiale, una falda sotterranea attinta con un pozzo) che vengono contaminati da elementi presenti in natura (ad esempio, nelle rocce caratteristiche di quelle aree) quali arsenico, boro e fluoro. Di recente, i sistemi di prevenzione e sorveglianza per le acque potabili sono stati potenziati dai “Piani di sicurezza dell’acqua” elaborati dall’Organizzazione mondiale della sanità. In pratica in ogni zona vengono esaminati i fattori di rischio in grado di pregiudicare la qualità dell’acqua a partire dall’ambiente dove avviene il prelievo, ai trattamenti per renderla potabile, fino all’arrivo al rubinetto di casa.

 acqua rubinetto
Le persone che non si fidano a bere l’acqua del rubinetto sono il 29%

Secondo i più recenti dati dell’Istituto nazionale di statistica (Istat), molte famiglie ancora non si fidano a bere l’acqua del rubinetto, anche se i dati migliorano. La sfiducia è passata dal 40,1% del 2002 al 29,0% del 2018. Ci sono notevoli differenze territoriali: dal 17,8% del Nord-est al 52,0% delle Isole (53,3% e 48,5% rispettivamente in Sicilia e Sardegna). All’origine della diffidenza verso l’acqua di rubinetto ci sono interruzioni e disservizi della fornitura, l’aspetto torbido o altri effetti negativi dovuti allo stato e manutenzione delle reti.

© Riproduzione riservata Foto: AdobeStock, Fotolia

Da 12 anni Ilfattoalimentare.it racconta cosa succede nel mondo dei supermercati, quali sono le insidie nelle etichette, pubblica le sentenze sulle pubblicità ingannevoli oltre che segnalare il lavoro delle lobby che operano contro gli interessi dei consumatori.

In questi anni ci hanno sostenuto decine di aziende grandi e piccole con i loro banner e moltissimi lettori con le donazioni.

Tutto ciò ha reso possibile la sopravvivenza di un sito indipendente senza un editore, senza conflitti di interesse e senza contributi pubblici.

Il Fatto Alimentare dà l'accesso gratuito a tutti gli articoli e ai dossier. Questo è possibile grazie alle migliaia di lettori che ogni giorno ci leggono e ci permettono di sfiorare 20 milioni di visualizzazioni l'anno, senza farcire gli articoli con pubblicità invasive.

Sostieni ilfattoalimentare ci vuole solo un minuto clicca qui. Se vuoi puoi anche sostenerci con un versamento mensile.

Roberto La Pira

  Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Alimenti della dieta mediterranea su un tavolo

La Dieta mediterranea diventa “Planeterranea”. Il progetto dell’Università di Napoli

La Dieta mediterranea è stata dichiarata Patrimonio culturale immateriale dell’umanità dell’Unesco il 16 novembre 2010 …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *