Home / Pianeta / Olio di palma e deforestazione, l’orangotango nel Borneo e a Sumatra è a rischio di estinzione. Proposte per limitare i danni

Olio di palma e deforestazione, l’orangotango nel Borneo e a Sumatra è a rischio di estinzione. Proposte per limitare i danni

orango
L’orango è stato inserito nella lista delle specie in “pericolo di estinzione”

La deforestazione legata  alla coltivazione delle palme da olio contribuisce in modo significativo alla minaccia di estinzione dell’orango del Borneo (Pongo pygmaeus). L’Unione mondiale per la conservazione della natura (Iucn) ha inserito ufficialmente l’orango dell’isola indonesiana nella lista delle specie “in pericolo di estinzione”, dopo che il numero di animali  è crollato di circa due terzi a partire dagli anni Settanta. Le previsioni stimano una progressiva diminuzione sino a 47 mila esemplari nel 2025. Si tratta di una cifra che indica un calo dell’86% della popolazione. L’altra specie di orango ancora vivente allo stato selvatico si trova nell’isola indonesiana di Sumatra ed è classificato dallo Iucn a rischio di estinzione sin dal 2008. Secondo il Wwf, in natura restano poco più di seimila esemplari dell’orango di Sumatra. Entrambe le specie di oranghi sono ufficialmente protette ma la maggior parte del loro habitat non è tutelato.

deforestazione
In un documento dell’Iucn le indicazioni per salvare gli oranghi  e tutelare la biodiversità

In un documento di esperti preparato per il Congresso mondiale dello Iucn sulla conservazione della natura, tenutosi alle Hawaii nei primi dieci giorni di settembre, sono state fornite indicazioni per mitigare l’impatto sulla biodiversità dovuta all’espansione delle coltivazioni di palma da olio. Una delle richieste rivolta agli Stati, alle agenzie governative e ai privati è che si faccia una pianificazione dei territori da utilizzare per la palma da olio, evitando le foreste intatte, le aree fondamentali per la biodiversità, le foreste ad alto contenuto di carbonio, le torbiere, i siti Patrimonio dell’Umanità e le aree dei popoli indigeni e delle comunità locali. Solo così si potrà assicurare la conservazione della biodiversità, il mantenimento dell’integrità ecologica, la protezione dei livelli di vita degli animali ed evitare conflitti.

 

 

 

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

Il sogno impossibile delle bottiglie in bioplastica per l’acqua minerale. Manca il sistema di riciclaggio

Da alcuni anni sono sul mercato bottiglie in bioplastica compostabile (meglio conosciuto come pla o …