Home / Pianeta / Biscotti LU: in Francia, 110.000 persone chiedono che la multinazionale Mondelez elimini l’olio di palma. La petizione lanciata da un diciassettenne

Biscotti LU: in Francia, 110.000 persone chiedono che la multinazionale Mondelez elimini l’olio di palma. La petizione lanciata da un diciassettenne

petizione biscotti lu
La petizione sui biscotti Lu

Sono già 110.000 i firmatari di una petizione online lanciata due mesi fa in Francia da un diciassettenne, che chiede al presidente di Mondelez Francia di eliminare l’olio di palma dai biscotti LU. Il marchio di proprietà della multinazionale alimentare statunitense è molto noto nel paese  tanto da venire definito dal promotore della petizione “un emblema della produzione di biscotti francesi”. Originariamente i biscotti LU erano di proprietà della Lefèvre-Utile, poi furono acquistati da Danone e oggi sono di Kraft, che fa parte del gruppo Mondelez.

Johan Reboul, promotore della petizione, scrive che a 17 anni è difficile scendere in campo e impegnarsi in politica per cambiare le cose. Quindi, in un primo momento ha deciso di non acquistare più prodotti contenenti olio di palma. Poi, dopo aver coinvolto anche la famiglia, si è chiesto cosa avrebbe potuto fare per avere un impatto sulla società. Così ha deciso di lanciare una petizione, perché molti francesi non sono consapevoli dei danni arrecati dalla deforestazione in Malesia e in Indonesia, legata alla coltivazione di palma da olio.

deforestazione
Johan Reboul è arrivato alla conclusione che l’olio di palma sostenibile non è possibile

Da una parte, molti consumatori non prestano attenzione agli ingredienti degli alimenti che acquistano, dall’altra è in corso un’operazione di greenwashing da parte di molti marchi, come Ferrero, che cercano di de-demonizzare l’olio di palma, attraverso una certificazione di sostenibilità. Dopo varie ricerche, Johan Reboul è arrivato alla conclusione che l’olio di palma sostenibile non è possibile, a causa della corruzione dei paesi produttori. La petizione chiede al gruppo Mondelez, che ha la sede centrale negli Usa, che i biscotti “LU” non partecipino a questo massacro ambientale, eliminando totalmente l’olio di palma dai loro ingredienti.

In Italia, Mondelez possiede vari marchi, tra cui Toblerone, Oro Saiwa, Milka, Tuc, Fonzies, Ritz, Cipster, Philadelphia, Sottilette, Halls, Hag, Splendid e Fattorie Osella e nei biscotti, come pure negli snack usa olio di palma.

© Riproduzione riservata

sostieniProva2Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal): clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

Three plastic bottles with one bottle crushed

Ma le biobottiglie producono microplastiche? I dubbi di un lettore e la risposta di Assobioplastiche

Un lettore ci scrive per cercare di risolvere i suoi dubbi sulle cosiddette biobottiglie e …