Home / Archivio dei Tag: cefalosporine

Archivio dei Tag: cefalosporine

Antibiotici nei polli? Unaitalia risponde all’inchiesta di Altroconsumo: meno 40% in quattro anni. Ma il problema resta

Dopo la recente inchiesta di Altroconsumo sulla presenza di batteri resistenti ai farmaci in alcuni campioni di carne e la campagna “Basta antibiotici nel piatto” lanciata da Consumer International, Unaitalia precisa qual è il ruolo del settore avicolo nella lotta all’antibiotico-resistenza nel nostro paese e annuncia di avere avviato, d’intesa con il Ministero della Salute, un piano volontario di riduzione …

Continua »

25 polli su 40 contaminati da batteri resistenti agli antibiotici (Cefalosporine). L’inchiesta di Altroconsumo conferma una situazione di criticità

Quanti polli venduti in supermercati e macellerie sono contaminati da batteri resistenti agli antibiotici? Altroconsumo ha provato a rispondere a questa domanda, con un’inchiesta in 20 punti vendita situati a Roma e Milano. Su 40 petti di pollo acquistati, 25 sono risultati contaminati da Escherichia Coli resistente a diversi antibiotici utilizzati per curare infezioni alle vie urinarie che colpiscono l’uomo. …

Continua »

Polli e farmaci: aumenta l’antibiotico-resistenza. Uno scenario allarmante anche per gli esseri umani.

La crescente presenza di batteri antibiotico-resistenti, dovuta all’uso eccessivo e improprio di farmaci, è forse il principale problema degli allevamenti intensivi di animali da reddito soprattutto nel settore dei polli da carne. La questione è legata ai metodi di allevamento e alla qualità della vita degli animali, come evidenzia il recente report del Ministero della salute sulla presenza di batteri …

Continua »

Antibiotici negli allevamenti: le vendite in USA tra il 2009 e il 2014 sono aumentate del 23%. Sono utilizzati per prevenire le malattie

Secondo la Food and Drug Administration (FDA), tra il 2009 e il 2014 negli Usa le vendite di antibiotici utilizzati negli allevamenti sono cresciute del 23%, nonostante le crescenti preoccupazioni per il rischio di diffusione di batteri resistenti. L’anno scorso l’aumento è stato del 3%, nonostante la stessa FDA avesse pubblicato nel 2013 un dossier con linee guida volontarie per …

Continua »