Home / Sicurezza Alimentare / Spezie ed erbe aromatiche: quali rischi di contaminazione? I risultati di un progetto di ricerca triennale finanziato dall’Ue

Spezie ed erbe aromatiche: quali rischi di contaminazione? I risultati di un progetto di ricerca triennale finanziato dall’Ue

aromi spezie coloranti 181108067
Dopo tre anni si sono conclusi i lavori di SPICED, per il rischio contaminazione nelle spezie

Dopo tre anni di ricerche, si sono conclusi i lavori del progetto SPICED sulla sicurezza della filiera delle spezie e delle erbe aromatiche e sui rischi di contaminazioni biologiche e chimiche intenzionali, accidentali e naturali. L’Unione europea è uno dei maggiori mercati mondiali di spezie ed erbe aromatiche, per la maggior parte importate da paesi non europei sotto forma di erbe essiccate. Le spezie sono particolarmente esposte a rischi di contaminazioni microbiologiche e chimiche, difficili da identificare. L’attenzione di esperti e consumatori si concentra infatti sui principali ingredienti degli alimenti, sottovalutando i potenziali rischi dovuti a erbe aromatiche e spezie aggiunte in molti piatti europei dopo la cottura e, quindi, possibile causa di molte infezioni e intossicazioni alimentari.

 

cibi spezie farine
Spezie e aromi sono sottovalutati nel rischio di contaminazione

Per questo, i ricercatori del progetto SPICED si sono concentrati sulle specie più sensibili alla contaminazione, come il pepe, la paprika, la noce moscata, la vaniglia, il prezzemolo, l’origano e il basilico, sviluppando nuovi metodi analitici e migliorando quelli esistenti. L’obiettivo è di rilevare e prevenire contaminazioni intenzionali (come Salmonella e E. Coli) dovute all’utilizzo di coloranti non autorizzati, accidentali e naturali. In particolare, sono stati sviluppati nuovi metodi di analisi spettrometrica e spettroscopica, per rilevare adulterazioni di erbe e spezie nei cosiddetti test di autenticità. Il progetto SPICED, finanziato dall’Unione europea, è stato condotto dall’Istituto federale tedesco per la valutazione del rischio (BfR), insieme ad altri dieci enti di sette paesi europei e si pone come obiettivo  la consapevolezza dei possibili rischi per la salute derivanti da erbe e spezie contaminate.  Il BfR e i partner hanno realizzato una mostra itinerante rivolta alle famiglie con bambini.

 

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

maiale allevamento

Antibiotici e allevamenti: sulla lotta alla resistenza agli antimicrobici dal Ministero solo buoni propositi. Intervista a Fabrizio de Stefani

I buoni propositi non bastano. È la prima considerazione che emerge leggendo le “Linee guida …

2 Commenti

  1. Fabrizio Brioschi

    Veramente molto interessante! Ho diffuso l’articolo.
    Grazie

  2. Sardi Cesarino

    E quali sono stati i risultati del progetto europeo? Sono state trovate spezie o erbe aromatiche contaminate? E da cosa? Si da per scontato che le spezie ed erbe aromatiche sono contaminate. Dopo 3 anni di ricerca hanno stabilito che se un prodotto è contaminato è rischioso per la salute, che geni! Mai come in questo caso BRA (braccia rubate all’agricoltura).