Home / Sicurezza Alimentare / Latte materno online: il 10% dei campioni è adulterato con latte di mucca. La pratica USA dell’utilizzo di latte materno proveniente da sconosciute è rischiosa

Latte materno online: il 10% dei campioni è adulterato con latte di mucca. La pratica USA dell’utilizzo di latte materno proveniente da sconosciute è rischiosa

latte materno
Latte materno online: il 10% è adulterato

Negli Stati Uniti, nonostante la Food and Drug Administration (FDA) abbia indicato sin dal 2010 quali siano i rischi nell’utilizzo di latte materno proveniente da donne sconosciute, questa pratica sta diventando sempre più popolare tra le mamme con poco latte. L’approvvigionamento avviene attraverso Internet, dove si stimano circa 13.000 pubblicità di latte materno. Alcuni ricercatori del Nationwide Children’s Hospital di Columbus, Ohio, hanno condotto uno studio, pubblicato dalla rivista Pediatrics, per verificare la provenienza umana di questo latte e verificare se fosse contaminato da latte di mucca. La ricerca ha preso in esame 102 campioni di latte materno acquistati attraverso Internet e ha verificato che in undici di essi (10%) era presente Dna di mucca. In dieci di questi undici campioni (10%) la quantità di latte di mucca miscelata al latte materno era pari ad almeno il 10%.

 

 

latte artificiale
Il latte materno acquistato online non è affidabile: la FDA già dal 2010 mette in guardia le mamme

Una tale quantità di latte di mucca fa sì che il latte possa essere contaminato e rischioso per i bambini con allergie o intolleranze al latte vaccino. I ricercatori avvertono che, poiché gli acquirenti non possono verificare la qualità del prodotto che comprano online, dovrebbero sapere che può essere adulterato con latte di mucca. Un precedente studio degli stessi ricercatori, pubblicato da Pediatrics nel 2013, aveva rielvato che il latte materno acquistabile attraverso internet mostrava un’elevata crescita batterica totale e una frequente contaminazione da batteri patogeni, dovute a metodi inaccurati di raccolta, stoccaggio e trasporto.

 

Beniamino Bonardi

© Riproduzione riservata

Foto: iStockphoto.com

 

sostieniProva2

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal): clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Bottura Milano salone del mobile 2018

Perché il cuoco Massimo Bottura non porta il cappello? Anche Cracco, Oldani, Vissani e altri chef-star hanno la stessa cattiva abitudine

In un servizio  pubblicato oggi sul Corriere.it  si vede la foto del famoso chef Massimo …

Un commento

  1. Non credo proprio che ci siano mamme in Italia disposte ad affidarsi ad internet per procurarsi latte materno da dare al proprio bimbo. Come possono testimoniare i pediatri non fanno un ” passo” se prima non si sono documentate con il medicco di fiducia