Home / Sicurezza Alimentare / Radiazioni ionizzanti per i crostacei: gli Stati Uniti autorizzano il trattamento contro gli agenti patogeni

Radiazioni ionizzanti per i crostacei: gli Stati Uniti autorizzano il trattamento contro gli agenti patogeni

gamberetti pasta radiazioni 453942787
La FDA ha deciso di approvare l’utilizzo delle radiazioni ionizzanti per trattare i crostacei

La Food and Drug Administration (FDA) statunitense ha deciso di autorizzare l’irradiazione dei crostacei, per controllare la proliferazione di agenti patogeni e prolungare la conservazione di granchi, gamberi e aragoste. La decisione è stata adottata in seguito a una petizione del National Fisheries Institute, un’organizzazione promossa dalle aziende della pesca e del commercio ittico. L’utilizzo di radiazioni ionizzanti sui crostacei è stato autorizzato dopo una valutazione sulla sicurezza in relazione alla tossicità, all’effetto sui nutrienti e sul potenziale rischio microbiologico.

 

La dose massima di radiazioni ionizzanti sui crostacei autorizzata dalla FDA, è di 6.0 kiloGray. Si tratta di una quantità in grado di ridurre, ma non eliminare del tutto, il numero di microrganismi patogeni, come la Listeria, il vibrione e l’Escherichia Coli. L’irradiazione, secondo  la FDA, non sostituisce le corrette pratiche di igiene sugli alimenti, che devono essere trattati, conservati e cucinati allo stesso modo di quelli non irradiati. Sull’etichetta dei crostacei dovrà comparire la dicitura “Trattato con radiazioni” affiacnato dal simbolo internazionale. I ristoranti che servono crostacei irradiati, invece, non saranno tenuti a informarne i clienti.

 

crostacei 478198469
Nei ristoranti non vi è l’obbligo di indicare l’utilizzo di pesce irradiato

In Europa, l’irradiamento dei crostacei non è consentito.  L’Unione europea ammette il trattamento con radiazioni ionizzanti solo per le erbe aromatiche essiccate, le spezie e i condimenti vegetali, a una dose massima di 10 kiloGray. In via transitoria, ogni stato può mantenere i trattamenti precedentemente autorizzati per alcuni alimenti, come indicato in questa tabella, da cui si vede che l’irraggiamento dei crostacei è praticato solo in Gran Bretagna, Belgio e Repubblica Ceca, con una dose massima autorizzata di 3kiloGray, pari alla metà di quella consentita negli Stati Uniti.

 

Beniamino Bonardi

© Riproduzione riservata

foto: thinkstockphotos.com

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Word STOP from colored pills and capsules on green background. Medicines and tablets kill

Gli integratori alimentari per le cartilagini sono pericolosi per diabetici, asmatici e allergici ai crostacei. Il parere dell’Anses

I diabetici, gli asmatici, chi è allergico ai crostacei, assume terapie anticoagulanti o deve stare …