Home / Pianeta / World Water Day: un essere umano su sei non ha ancora accesso all’acqua potabile, bisogna fare qualcosa

World Water Day: un essere umano su sei non ha ancora accesso all’acqua potabile, bisogna fare qualcosa

144290406 Il 22 marzo si è celebrata la Giornata mondiale dell’acqua (World Water Day), un’occasione per ricordare a noi tutti che un sesto della popolazione del pianeta ancora non ha accesso all’acqua potabile, mentre due esseri umani su cinque sono privi di servizi igienici. Per rendersi conto della situazione vi proponiamo un documento di Amref.

 

Nelle aree rurali dell’Africa sub-sahariana più del 40% della popolazione non ha accesso a fonti idriche sicure. Ogni famiglia spende il 26% del proprio tempo per andare a prendere acqua. Questo compito tocca quasi sempre alle donne, che camminano in media 5 chilometri al giorno per raggiungere una fonte d’acqua pulita e trasportarne una ventina di litri. Un buon allenamento per tenersi in forma, commenterebbero gli studiosi della ‘EU Platform for Action om Diet, Physical Activity & Health’, tra un caffè e un paio di biscotti. Ma se ne potrebbe pur fare a meno, se la cooperazione internazionale funzionasse come dovrebbe.

 

acqua, africa, pozzi 9252635L’accesso all’acqua potabile e alle strutture igienico-sanitarie adeguate è la premessa indispensabile per superare la povertà estrema e prevenire le epidemie a sud del Mediterraneo. Ogni anno più di 1,8 milioni di bambini muoiono a causa di tifo, colera, dissenteria, e gastroenterite. La diarrea è la principale causa di malattia e di morte in Africa, e l’88% dei decessi per diarrea sono legati alla mancanza di servizi igienici e di acqua pulita. L’accesso a fonti sicure potrebbe invece ridurre i tassi di mortalità infantile di oltre il 20%.

 

Amref è una delle poche realtà che porta avanti diversi progetti  idrici  rivolti soprattutto alle donne africane, considerate il perno in grado di  garantire oltre al benessere delle famiglie, la protezione dell’ambiente, lo sviluppo rurale e la difesa della bio-diversità.

 

Nel 2012 Amref ha raggiunto 14 milioni di persone in Africa, nei suoi programmi per l’accesso alla salute e all’acqua sicura. Negli “slum” di metropoli come Nairobi e Kampala, come pure nei villaggi rurali, i progetti idrici permettono la costruzione di pozzi, cisterne e acquedotti e la protezione di sorgenti, ma anche la formazione di tecnici e di comitati di gestione, la creazione di microattività produttive, la promozione dell’educazione igienico-sanitaria. Grazie, Amref.

 

Dario Dongo

© Riproduzione riservata

Foto: Photos.com

  Dario Dongo

Dario Dongo
Avvocato, giornalista. Twitter: @ItalyFoodTrade

Guarda qui

plastica bottiglie riciclo raccolta differenziata vuoto a rendere

Plastica: dalla produzione allo smaltimento produce grandi quantità di CO2

La plastica è uno dei principali responsabili del riscaldamento globale, anche se questa sua caratteristica …