Home / Pianeta / Basta plastica monouso, in un video le conseguenze sull’ambiente. La petizione si avvicina al traguardo delle 300 mila firme

Basta plastica monouso, in un video le conseguenze sull’ambiente. La petizione si avvicina al traguardo delle 300 mila firme

Manca pochissimo al traguardo delle 300 mila firme per la petizione #bastaplastica (ne avevamo già parlato in questo articolo), lanciata per chiedere uno stop alla produzione di imballaggi e oggetti in plastica monouso e di sostituirla con altri materiali meno impattanti e plastiche biodegradabili.

Ora i promotori della petizione pubblicano una video-raccolta di decine e decine di fotografie inviate dai sostenitori dell’iniziativa, che testimoniano le conseguenze ambientali dell’abuso di plastica usa e getta: bottiglie, flaconi, sacchetti e cannucce che hanno invaso mari, fiumi, boschi e campi di tutto il mondo.

L’obiettivo della petizione – ambizioso e ancora ben lontano – è di raccogliere un milione di firme. Questa interessante iniziativa interessante, così come quella analoga lanciata da poco da Greenpeace, è in sintonia con il piano annunciato dall’Unione europea per combattere l’abuso di plastica nel continente, ridurre i materiali plastici circolante e favorirne riciclo e riuso entro il 2030.

Per firmare la petizione #bastaplastica clicca qui

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

I sacchetti in bioplastica potrebbero influire sulla germinazione (se non smaltiti correttamente): criticità sulla metodologia dello studio scientifico

In seguito alla pubblicazione dello studio inglese secondo cui le plastiche biodegradabili non sarebbero soggette …

Un commento

  1. C’è bisogno di una petizione che raggiunga 1 milione di firme per sensibilizzare i nostri governanti ad adottare politiche ragionevoli in materia di produzione industriale e rispetto del territorio?

    Altrimenti senza quorum non vieni presi nemmeno in considerazione…

    Dopo si può inizare a parlarne, e poi con comodo eventualmente prendere provvedimenti.