Home / Etichette & Prodotti / Il Vermont è il primo Stato Usa a introdurre l’obbligo di etichettatura degli alimenti contenenti Ogm

Il Vermont è il primo Stato Usa a introdurre l’obbligo di etichettatura degli alimenti contenenti Ogm

ogm verdure 480858717
Vermont e ogm: dal 2016 ci sarà l’obbligo di indicare in etichetta la presenza di ingredienti GM

Dal 1° luglio 2016, nel Vermont gli alimenti contenenti ingredienti geneticamente modificati in quantità superiore allo 0,9% del peso totale del prodotto avranno l’indicazione in etichetta e non potranno definirsi “naturali”. Lo stabilisce una legge appena approvata con 114 voti a favore e 30 contro, che fa del Vermont il primo tra gli Stati Uniti d’America ad adottare questa misura. Nei mesi scorsi, lo avevano fatto il Connecticut e il Maine, che però hanno subordinato l’entrata in vigore della disposizione al fatto che essa sia adottata anche da altri Stati: altri quattro Stati del Nord-Est con una popolazione totale di almeno 20 milioni di persone, nel caso della legge del Connecticut; cinque Stati vicini, tra cui il New Hampshire, nel caso del Maine.

 

Nella relazione che accompagna la normativa del Vermont si spiega che l’obbligo di etichettatura è motivato dal fatto che gli OGM pongono dei rischi potenziali per la salute, la sicurezza, l’ambiente e l’agricoltura, dal momento che non c’è consenso scientifico sulla loro innocuità e che i loro effetti non sono mai stati oggetto di uno studio epidemiologico a lungo termine.

 

Vermont e OGM 453578513
Le motivazioni per questo obbligo sono dovute alla mancanza di consenso e di studi epidemiologici a lungo termine

La legge del Vermont prevede la costituzione di un fondo fino a 1,5 milioni di dollari, a cui i cittadini possono contribuire volontariamente, per sostenere le spese della controversia legale che nascerà dal probabile ricorso in tribunale dell’industria, secondo la quale la Food and Drug Administration (FDA) è l’unica autorità competente a stabilire se un ingrediente geneticamente modificato può essere dannoso per la salute e se debba essere indicato in etichetta. L’industria chiede anche una legge federale, che vieti ai singoli Stati di legiferare in materia.

 

Beniamino Bonardi

© Riproduzione riservata

Foto: Thinkstockphotos.it

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Funghi tutte le regole da sapere per evitare avvelenamenti, dalla raccolta al consumo elaborate dal Centro Antiveleni di Niguarda

  La raccolta e il consumo dei funghi freschi fanno parte della nostra tradizione culinaria. Non tutti …