Home / Pubblicità & Bufale / Regno Unito, sanzionate le prime pubblicità online di junk food rivolte ai minori di 16 anni. Provvedimenti su cioccolato e dolciumi

Regno Unito, sanzionate le prime pubblicità online di junk food rivolte ai minori di 16 anni. Provvedimenti su cioccolato e dolciumi

fun with technologyL’Advertising Standard Authority (ASA), l’organismo britannico di autodisciplina pubblicitaria, ha emesso i primi provvedimenti in merito alle pubblicità che violano le nuove regole sulle promozioni online del cibo spazzatura decise un anno fa a tutela dei minori, che vietano la pubblicità online di alimenti ricchi di grassi, sale o zucchero, se oltre il 25% del pubblico del mezzo utilizzato è al di sotto dei 16 anni. Le società sanzionate con il ritiro delle pubblicità contestate sono Cadbury, Cloetta e Swizzels Matlow.

La pubblicità di Cadbury sanzionata riguardava un sito della compagnia dedicato alla promozione dell’iniziativa “Enjoy Easter Fun”, caratterizzata dall’immagine di un coniglio con in mano un uovo di Pasqua avvolto in un foglio viola con le parole “Unisciti alla caccia all’uovo di Pasqua di Cadbury”. Accanto c’erano altre piccole uova di cioccolato avvolte in carta viola con il marchio Cadbury e coniglietti pasquali. Il testo recitava: “Cerchi un modo per rendere magica la Pasqua? L’hai trovato! Continua a leggere per consigli, dolcetti e cose divertenti da fare”. Più in basso nella pagina, i visitatori del sito web potevano scaricare un libro di fiabe e un pacchetto di attività, caratterizzati da immagini di uova di Pasqua con il marchio Cadbury, che si è difesa sostenendo che la promozione non era rivolta a bambini e adolescenti ma ai loro genitori e in generale a un pubblico adulto. L’ASA ha riconosciuto che i visitatori del sito erano in prevalenza adulti, osservando, però, come il libro e il pacchetto di attività scaricabili erano rivolti a un pubblico al di sotto dei 16 anni, seppur sotto la supervisione di un adulto. Per questo ha giudicato la promozione di Cadbury, che fa parte del gruppo Mondelez, come contraria alle regole a tutela dei minori introdotte un anno fa. 

L’ASA ha anche disposto la rimozione di quattro post su Facebook sulle caramelle Chewits, prodotte da Cloetta. L’Authority sostiene che non basta filtrare gli utenti delle piattaforme social chiedendo loro di dichiarare di avere almeno 16 anni, dato che diversi minori dichiarano una falsa età, ma devono essere adottate misure ragionevoli per garantire che gli annunci non siano diretti ai minori di 16 anni, compresi gli amici di coloro che mettono “mi piace” ai post o li condividono.

Infine, l’ASA ha censurato la promozione dei dolciumi Squashies, prodotti da Swizzels Matlow, che attraverso un’app promuoveva un gioco con i personaggi, stile cartoon, della sua linea di prodotti Squashies. Il gioco veniva promosso anche sul sito della compagnia, sui social media e sulle confezioni. Anche in questo caso non c’era alcuna possibilità di verificare la veridicità dell’età dichiarata dai visitatori dell’app, mentre lo stile dei personaggi del gioco era attraente per i minori di 16 anni.

© Riproduzione riservata

* Con Carta di credito (attraverso PayPal). Clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264
indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare 2018. Clicca qui

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

Falsi miti e bufale: l’Istituto superiore di sanità sfata alcune leggende diffuse in ambito alimentare

Miti, bufale, leggende: in ambito alimentare, sono ancora tante le convinzioni in voga pur senza …