Home / Recensioni & Eventi / Tutto bio 2019, è arrivata la 25° edizione dell’annuario del biologico: perché “Non c’è Bio senza Trend”

Tutto bio 2019, è arrivata la 25° edizione dell’annuario del biologico: perché “Non c’è Bio senza Trend”

Tutto-Bio-2019È arrivato Tutto bio 2019, l’annuario del biologico che quest’anno è giunto alla 25° edizione e, come sempre, è curato da Rosa Maria Bertino, Achille e Emanuele Mingozzi ed edito da Bio Bank. Quest’anno il tema centrale della guida è “Non c’è Bio senza Trend”, cioè come il biologico abbia la capacità di anticipare i tempi e posizionarsi in testa a tutte le principali tendenze di mercato. Lo dimostrano le 10 storie di imprenditoria bio raccontate come da tradizione nella prima parte dell’annuario: c’è il produttore di Parmigiano Reggiano bio che rispetta la biodiversità, l’azienda che realizza pasta di legumi da filiera interamente italiana e chi produce pomodoro etico senza sfruttamento.

Tutto bio 2019 raccoglie 5.700 attività, la metà rispetto alle 11 mila elencate nell’edizione 2018 (per consultare l’elenco completo bisogna accedere al portale biobank.it), oltre a 64 fiere del biologico che si svolgono ogni anno in tutta Europa, come l’italianissima Sana, e a 106 associazioni del settore, tra cui Federbio e Slow Food. Come sempre, l’annuario dedica un intero capitolo a un settore diverso: dai canali di vendita diretta (cassette a domicilio e gruppi di acquisto), alla ristorazione, passando per supermercati e negozi specializzati.

Nella sezione dedicata ai punti vendita, la guida elenca 26 catene di supermercati e discount che offrono una linea di prodotti bio. Per esempio Aldi, la new entry nel panorama discount, propone il marchio Natura Felice, mentre Coop è da anni presente con la linea Vivi Verde. Tra gli oltre 1.300 negozi specializzati censiti, spiccano i 260 punti vendita NaturaSì, i 2017 di Cuore Bio e i 440 della catena Ki Ama Bio.

Tutto bio 2019” di Rosa Maria Bertino, Achille Mingozzi e Emanuele Mingozzi. 208 pagine. Edizione Bio Bank.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Giulia Crepaldi

Giulia Crepaldi

Guarda qui

Different water bottles for sports on color background

A scuola si combatte la plastica: borracce agli studenti in molti comuni italiani

In tutta Italia prende sempre più piede la distribuzione delle borracce nelle scuole. Ecco dunque …