Home / Pianeta / Stop ai derivati della cannabis nei ristoranti di New York. “Sostanza non approvata”, afferma il dipartimento della Salute. E in Europa?

Stop ai derivati della cannabis nei ristoranti di New York. “Sostanza non approvata”, afferma il dipartimento della Salute. E in Europa?

Healthy cannabis smoothie on wooden background. Natural supplement, detox and healthy living.Negli Stati Uniti inizia la stretta sull’utilizzo dei derivati della cannabis in alimenti e bevande venduti al pubblico. La notizia è stata data per primo da Eater New York, dopo che ispettori del Dipartimento della Salute del Comune hanno sequestrato in una pasticceria-ristorante dei biscotti contenenti cannabidiolo (CBD). La sostanza è un componente non psicoattivo della marijuana, che negli Usa è legale ed è utilizzato spesso a scopo terapeutico per alleviare infiammazioni, dolori, crampi e ansia. In recenti ispezioni avvenuto sempre nello stesso locale, Fat Cat Kitchen, gli alimenti contenenti CBD non avevano subito alcuna restrizione alla distribuzione. Ma ora le autorità newyorkesi hanno deciso di vietarne la vendita in cibi e bevande, non essendone stata accertata l’innocuità per la salute.

Come osserva Eater New York, la conseguenza della nuova politica restrittiva significa che molti ristoranti, bar e caffè dovranno interrompere una linea di produzione che sta avendo un boom di popolarità. Infatti, sempre più locali di New York stanno inserendo articoli come cocktail CBD e latticini CBD nei loro menu.

Anche i funzionari della sanità dello Stato del Maine hanno annunciato un divieto per il CBD negli alimenti, con la stessa motivazione dei loro colleghi newyorkesi e cioè perché, pur essendo una sostanza legale, non è un additivo alimentare approvato dal governo.

In Europa circolano già alimenti con CBD. All’inizio di gennaio, come riferito da Il Fatto Alimentare, l’Italia ha segnalato al Sistema rapido di allerta europeo per alimenti e mangimi (Rasff) di aver respinto alla frontiera dei biscotti con pezzetti di cioccolato provenienti dai Paesi Bassi, che contenevano CBD, in quanto il cannabidiolo è un nuovo ingrediente alimentare non autorizzato.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

6 pack ring underwater plastic ocean

Plastica, i rifiuti che inquinano di più il Mar Adriatico? Sono bottiglie, buste e imballaggi. I risultati di uno studio dell’Ispra

Come tutti i mari del mondo, anche l’Adriatico sta soffocando nella plastica monouso. La conferma …