Home / Sicurezza Alimentare / Sicurezza alimentare: una preoccupazione che riguarda l’80% degli italiani, ben più della media europea

Sicurezza alimentare: una preoccupazione che riguarda l’80% degli italiani, ben più della media europea

sicurezza alimentare
L’80% di italiani si dice preoccupato per la sicurezza alimentare: molto più rispetto alla media europea

L’80% degli italiani si preoccupa della sicurezza alimentare, una percentuale ben superiore alla media europea, che è del 61%. E’ quanto emerge da un sondaggio condotto su ottomila consumatori di undici paesi europei dalla società InSites Consulting, su commissione della Federazione europea dei contenitori alimentari in vetro (Feve). I genitori di bambini piccoli sono particolarmente prudenti: il 77% degli europei (79% degli italiani) preferisce il vetro per conservare gli alimenti dei propri figli, mentre il 61% (62% degli italiani) evita di acquistare alimenti per l’infanzia in bottiglie di plastica o altri materiali diversi dal vetro. Tra gli europei più attenti da questo punto di vista, ci sono i croati, con percentuali rispettivamente del 95% e dell’80%.

 

Bambini e sicurezza alimentare 82557149
Il vetro è percepito dagli europei come il materiale da imballaggio più sicuro

Il vetro è infatti percepito dagli europei come il materiale da imballaggio più sicuro, sia per i cibi (49%) sia per le bevande (74%): anche gli italiani lo preferiscono a tutti gli altri materiali, con il consenso del 53% degli intervistati che dichiara di preferirlo per gli alimenti e il 76% per le bevande. Dalla parte opposta, i packaging meno apprezzati per i cibi sono la plastica e le lattine (5%), e i contenitori di metallo (1%). Il nostro paese, insieme alla Croazia, registra il valore più alto di consumatori consapevoli: il 93% conosce i potenziali rischi per la salute legati alle contaminazioni chimiche tra contenitore e contenuto, a fronte di una media europea dell’84%.

 

Beniamino Bonardi

© Riproduzione riservata

Foto: istockphoto.com

 

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Micro plastic.Small Plastic pellets on the finger.

Microplastiche: cosa sono, dove si trovano e che effetti hanno sulla salute. Tutto quello che si sa (e non si sa) spiegato dal BfR

Nello scorso mese di febbraio i tedeschi preoccupati per le microplastiche nel cibo erano il …

2 Commenti

  1. Avatar

    Anch’io biologa spec. in chimica e tecnologie degli alimenti ora mi sto impegnando per eliminare un pò di imballaggi e ridurre così emissioni di CO2 per la produzione e lo smaltimento della plastica. Ho creato a Padova un punto vendita automatico di cui tutte le informazioni su http://www.deterfriend.com
    A presto !

  2. Avatar

    SOLO !!! ANCORA TROPPO POCHI SI PREOCCUPANO DELLA PLASTICA E DERIVATI….COSI PRIMA LA MANGIAMO CAUSA MIGRAZIONE DI SOSTANZE IN ALIMENTI CONFEZIONATI, POI RIEMPIAMO LE DISCARICHE E SE NON BASTA LE SEMINIAMO PER IL MONDO….E’ ORA DI TORNARE ALLA VECCHIA CONFEZIONE DI CARTA…E BORSINA DI PAGLIA,FORSE AI NOSTRI FIGLI LASCEREMO UN MONDO PIU PULITO.