Home / Sicurezza Alimentare / Sicurezza alimentare: una preoccupazione che riguarda l’80% degli italiani, ben più della media europea

Sicurezza alimentare: una preoccupazione che riguarda l’80% degli italiani, ben più della media europea

sicurezza alimentare
L’80% di italiani si dice preoccupato per la sicurezza alimentare: molto più rispetto alla media europea

L’80% degli italiani si preoccupa della sicurezza alimentare, una percentuale ben superiore alla media europea, che è del 61%. E’ quanto emerge da un sondaggio condotto su ottomila consumatori di undici paesi europei dalla società InSites Consulting, su commissione della Federazione europea dei contenitori alimentari in vetro (Feve). I genitori di bambini piccoli sono particolarmente prudenti: il 77% degli europei (79% degli italiani) preferisce il vetro per conservare gli alimenti dei propri figli, mentre il 61% (62% degli italiani) evita di acquistare alimenti per l’infanzia in bottiglie di plastica o altri materiali diversi dal vetro. Tra gli europei più attenti da questo punto di vista, ci sono i croati, con percentuali rispettivamente del 95% e dell’80%.

 

Bambini e sicurezza alimentare 82557149
Il vetro è percepito dagli europei come il materiale da imballaggio più sicuro

Il vetro è infatti percepito dagli europei come il materiale da imballaggio più sicuro, sia per i cibi (49%) sia per le bevande (74%): anche gli italiani lo preferiscono a tutti gli altri materiali, con il consenso del 53% degli intervistati che dichiara di preferirlo per gli alimenti e il 76% per le bevande. Dalla parte opposta, i packaging meno apprezzati per i cibi sono la plastica e le lattine (5%), e i contenitori di metallo (1%). Il nostro paese, insieme alla Croazia, registra il valore più alto di consumatori consapevoli: il 93% conosce i potenziali rischi per la salute legati alle contaminazioni chimiche tra contenitore e contenuto, a fronte di una media europea dell’84%.

 

Beniamino Bonardi

© Riproduzione riservata

Foto: istockphoto.com

 

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

alimenti cibo dieta verdure pollo pesce salute

Aumentano le notifiche al sistema di allerta Rasff. Nel rapporto 2019 boom di segnalazioni per la Salmonella nel pollo dalla Polonia

Nel 2019 sono tornate a crescere le notifiche trasmesse attraverso il Sistema di allerta rapido …

2 Commenti

  1. Avatar

    Anch’io biologa spec. in chimica e tecnologie degli alimenti ora mi sto impegnando per eliminare un pò di imballaggi e ridurre così emissioni di CO2 per la produzione e lo smaltimento della plastica. Ho creato a Padova un punto vendita automatico di cui tutte le informazioni su http://www.deterfriend.com
    A presto !

  2. Avatar

    SOLO !!! ANCORA TROPPO POCHI SI PREOCCUPANO DELLA PLASTICA E DERIVATI….COSI PRIMA LA MANGIAMO CAUSA MIGRAZIONE DI SOSTANZE IN ALIMENTI CONFEZIONATI, POI RIEMPIAMO LE DISCARICHE E SE NON BASTA LE SEMINIAMO PER IL MONDO….E’ ORA DI TORNARE ALLA VECCHIA CONFEZIONE DI CARTA…E BORSINA DI PAGLIA,FORSE AI NOSTRI FIGLI LASCEREMO UN MONDO PIU PULITO.