Home / Sicurezza Alimentare / Sicurezza alimentare, l’Europa vuole creare una piattaforma per la ricerca e l’innovazione. Il bando della Commissione

Sicurezza alimentare, l’Europa vuole creare una piattaforma per la ricerca e l’innovazione. Il bando della Commissione

laboratorio birra luppoli master tecnologie birrarie“Supportare la sicurezza alimentare del futuro”. È questo il titolo di un nuovo bando pubblicato dalla Commissione europea nell’ambito del programma di ricerca Horizon 2020 per sviluppare una piattaforma per la ricerca e l’innovazione che faciliti la collaborazione e il coordinamento degli attori del mondo della sicurezza alimentare: le agenzie nazionali e comunitarie, i servizi competenti della Commissione europea, i legislatori, i ricercatori e la società civile.

Gli obiettivi del progetto sono:

  1. Mappare lo stato dell’arte della ricerca e dell’innovazione nella sicurezza alimentare nei diversi stati membri e nazioni associate.
  2. Rafforzare le potenzialità della ricerca e dell’innovazione per assicurarsi che l’Europa continui a essere la leader globale negli standard della sicurezza alimentare.
  3. Scambiare conoscenze e dati tra la comunità scientifica e i decisori politici, agenzie europee incluse.
  4. Migliorare la coerenza e ridurre la sovrapposizione tra stati ed Unione Europea nei finanziamenti della ricerca in sicurezza alimentare.
  5. Sviluppare approcci innovativi nella comunicazione sia della ricerca e innovazione nella sicurezza alimentare che delle procedure di valutazione del rischio in modo che i cittadini siano propriamente informati e impegnati, aumentando, di conseguenza, la fiducia dei consumatori.
  6. Esplorare nuove vie per creare un’interfaccia a lungo termine tra scienza, politica e società.

Il termine ultimo per la presentazione delle domande alla Commissione europea è il 22 gennaio 2020. Per ulteriori informazioni sul bando clicca qui.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

  Giulia Crepaldi

Giulia Crepaldi

Guarda qui

borraccia borracce acqua ambienteplastica alluminio acciaio

Viva le borracce! Ma attenzione alle istruzioni per usarle correttamente

Le borracce sono indubbiamente la moda del momento: colorate, comode, utili e soprattutto ecologiche. Se …

2 Commenti

  1. Avatar

    Mi pare, se ho ben letto, che tra gli obbiettivi elencati nel progetto sia stato TRASCURATO il fondamentale coinvolgimento di tutti gli operatori del comparto alimentare (dalla terra alla tavola, passando per l’industria), che per esperienza diretta e capacità di prova sul campo hanno maggior coscienza delle problematiche ed il maggior numero di dati elaborabili, se si vuole anche in forma anonima, su materie prime, processi e prodotti finiti.

  2. Avatar

    Signor Costante , sono iniziate le grandi manovre sul cibo futuro , che non riguardano il “vecchio modo ” di produrre il cibo ma le nuove tecniche di produzione industriale , ormai è un’onda inarrestabile perchè i filantropi che la sostengono hanno tanti di quei soldi investiti da sommergere tutto il vecchio mondo naturale, benvenuti nel futuro tecnologico.
    Ma non preoccupiamoci saremo informati in maniera tale da essere pienamente rassicurati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *