Home / Richiami e ritiri / Rischio microbiologico: ciauscolo Igp Ciriaci richiamato per analisi sfavorevoli. Interessati i supermercati Coop

Rischio microbiologico: ciauscolo Igp Ciriaci richiamato per analisi sfavorevoli. Interessati i supermercati Coop

ciauscolo igp ciriaciIl Ministero della salute ha diffuso il richiamo per motivi precauzionali di un lotto di ciauscolo Igp a marchio Ciriaci a seguito di analisi microbiologiche sfavorevoli. Il prodotto interessato è venduto in confezioni da 500 grammi e 600 grammi, che fanno parte del lotto numero 181109/C. Il richiamo è stato pubblicato anche dai supermercati Coop.

Il ciauscolo Igp richiamato è stato prodotto dal Salumificio Ciriaci Srl nello stabilimento di Contrada San Massimo, a Ortezzano, in provincia di Fermo (marchio di identificazione R686H).

A scopo cautelativo, si raccomanda di non consumare il prodotto con le caratteristiche segnalate e di riportarlo presso il punto vendita d’acquisto. Per ulteriori informazioni, è possibile contattare l’ufficio qualità dell’azienda al numero 0734 777134

Dal 1° gennaio 2018, Il Fatto Alimentare ha segnalato 137 richiami, per un totale di 254 prodotti, e 5 revoche. Per vedere tutte le notifiche clicca qui.

© Riproduzione riservata

Ogni giorno oltre 40mila persone ci seguono.
Siamo indipendenti e liberi da logiche politiche e aziendali. Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori che coprono il 20% delle spese

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Citterio richiama un lotto di salame Citterino per rischio microbiologico: presenza di Salmonella Derby

Aggiornamento del 13/03/2019: il ministero della Salute ha reso noto che la contaminazione microbiologica rilevata nel …

3 Commenti

  1. Non è un po’ troppo vaga la motivazione “Analisi sfavorevoli”??
    Era troppo brutto dire “Salmonella”??

  2. Probabilmente ci sono sia le Salmonelle sia Listeria monocytogenes, con un prodotto a rischio con parecchi problemi da più anni segnalati. Casi di Listeria sono stati ripetutamente legati al ciauscolo, che bisogna saper fare se si vuole ottenere un prodotto idoneo al consumo (Reg. 179/2002).