Home / Supermercato / GDO: i fornitori chiedono una legge che li tuteli dalle pratiche commerciali scorrette

GDO: i fornitori chiedono una legge che li tuteli dalle pratiche commerciali scorrette

Il problema delle pratiche commerciali scorrette – che i colossi della grande distribuzione tendono ad applicare nei confronti delle decine di migliaia di fornitori di prodotti agroalimentari – torna alla ribalta. Martedì scorso è scesa in campo la Confederazione italiana degli agricoltori (Cia), per sollecitare l’adozione di un’apposita legge per la tutela dei fornitori. Già a dicembre il ministro per l’Agricoltura Mario Catania aveva annunciato un imminente intervento legislativo.

L’11 gennaio la Cia, Confederazione italiana agricoltori, ha presentato una proposta di legge di iniziativa popolare – qui in allegato – per regolamentare le relazioni contrattuali tra imprese agricole e grande distribuzione organizzata. Sono intervenuti al dibattito i vertici di Coop Italia, Conad, Confagricoltura, Copagri, Legacoop e alcuni parlamentari.

La proposta di legge è composta di 11 articoli, nei quali sono anzitutto definiti i principi di base:

– l’obbligo di forma scritta dei contratti di fornitura delle derrate agricole alla distribuzione organizzata;

la nullità delle clausole contrattuali manifestamente inique (per esempio gli sconti retroattivi) e delle pratiche che configurano un abuso di dipendenza economica (come i pagamenti sistematicamente fuori termine), affidandone la  definizione al ministero per lo Sviluppo economico (MiSE);

il divieto delle vendite sottocosto, al di fuori di regole condivise, per evitare che la “sregolatezza” delle promozioni possa appunto causare il dissesto dei fornitori;

– la possibilità di adottare misure temporanee di disciplina dei prezzi nei periodi di crisi congiunturale dei mercati;

– la costituzione di una commissione per la Trasparenza presieduta dall’Antitrust (Autorità garante per la concorrenza e il mercato),

– l’istituzione presso il MiSE di un Osservatorio dei prezzi dei prodotti alimentari.

Le associazioni di categoria dovrebbero poter intervenire in sede amministrativa e giudiziaria per la tutela dei propri rappresentati (c.d. legittimazione processuale attiva, già introdotta nel c.d. Statuto delle imprese, legge n. 180/2011).

La proposta di legge, ha sottolineato il presidente della Cia Antonio Politi, è aperta a modifiche e la sottoscrizione popolare sarà avviata a seguito di consultazione con gli altri rappresentanti dei diversi comparti della filiera agroalimentare.

Un paio di prime considerazioni: perché limitare la tutela ai soli imprenditori agricoli e non estenderla anche alle circa 70.000 imprese che in Italia producono alimenti?

Ed è davvero necessario istituire un ennesimo Osservatorio? Non è bastata l’esperienza di “Mister Prezzi”?

 

Dario Dongo

Foto: Photos.com

 

Precedenti articoli sul tema:

Supermercati: basta con le pratiche commerciali scorrette: il ministro Catania annuncia nuove regole

I prezzi dei prodotti scendono, ma occorre riconoscere il valore del cibo

Supermercati e concorrenza: il Parlamento europeo chiede uno stop ad alcune pratiche commerciali della grande distribuzione

Il Coordinamento europeo “Via Campesina” contro le pratiche commerciali scorrette della Grande Distribuzione Organizzata

Il Parlamento europeo con José Bové alla carica della Gdo

 

Avatar

Guarda qui

scaffali pane supermercato

Pane fresco invenduto: multa da 680 mila € dell’Antitrust a sei catene di supermercati. Sotto accusa il reso obbligatorio

Brutto colpo per le maggiori catene di supermercati, colpite da una maxi-sanzione collettiva da 680 …

3 Commenti

  1. Avatar

    Mi piace pensare che ci siano dei Davide in grado di affrontare Golia. Si tenga in considerazione però che il popolo dei perseguitati non è solo quello degli imprenditori agricoli, pursempre (e meno male) spalleggiati politicamente. Condivido quanto afferam Dario Dongo, esistono 70.000 imprese che in Italia producono alimenti schiacciate dall’onnipotenza della GDO a valle e dalla demgogia dei sindacati agricoli a monte. Si faccia in modo che possano sopravvivere con i loro marchi di fabbrica che garantiscono ai consumatori, prodotti di qualità e sicuri dal punto di vista igienico sanitario. Evitiamo che queste imprese diventino schiave della GDO a discapito della qualità e della sicurezza.

  2. Avatar

    Finalmente, anche in Italia, qualcosa sembra muoversi anche se credo che più che iniziative popolari serva un regolamento imposto "dall’alto"…personalmente spero e confido in una buona normativa Europea! Stiamo a vedere…

  3. Avatar

    Mi domando se queste norme sarebbero applicabili solo in Italia, annullandone di fatto l’effetto.