Home / Pianeta / Gran Bretagna, i leader dell’opposizione propongono al governo tredici interventi contro l’obesità infantile, su iniziativa di Jamie Oliver

Gran Bretagna, i leader dell’opposizione propongono al governo tredici interventi contro l’obesità infantile, su iniziativa di Jamie Oliver

junk foodIn Gran Bretagna, i leader dei quattro partiti di opposizione, coordinati dal noto chef Jamie Oliver, hanno sottoscritto una lettera indirizzata alla Premier Theresa May, chiedendo l’adozione di tredici misure per una lotta senza quartiere al cibo spazzatura, al fine di mettere in campo una strategia complessiva contro l’obesità infantile. La lettera è firmata da Jeremy Corbyn per il Partito Laburista, dalla Premier scozzese e leader del Partito Nazionale Scozzese Nicola Sturgeon, e dai leader dei Liberal Democratici e dei Verdi.

Tra le misure proposte vi sono il divieto di offrire un prodotto gratis quando se ne acquista un altro e promozioni simili nel campo del cibo spazzatura, il divieto alla pubblicità televisiva del junk food fino alle ore 21 e misure vincolanti per impedire le inserzioni online rivolte ai bambini. Si chiede anche il divieto di accompagnare alimenti insalubri per i bambini con personaggi dei cartoni animati o altre celebrità, e la riformulazione di questi cibi per ridurne il contenuto di zucchero, calorie, sale e grassi.

youth from today bambina cibo spazzatura televisione tv
Tra le misure richieste per contrastare l’obesità infantile ci sono anche restrizioni per la pubblicità del cibo spazzatura

I firmatari della lettera chiedono anche restrizioni alla vendita di energy drink ai minori di 16 anni, l’obbligo dell’etichetta nutrizionale a semaforo per i cibi spazzatura e il divieto di false affermazioni salutiste. Tra le richieste figurano anche l’utilizzo della leva fiscale per favorire scelte alimentare salubri e scoraggiare quelle povere dal punto di vista nutrizionale e misure per incoraggiare i ristoranti a combattere l’obesità infantile, compresa l’indicazione delle calorie sui menu.

Nella lettera si afferma che la tassa sullo zucchero nelle bevande, entrata in vigore all’inizio di aprile, è un primo passo importante ma che occorre fare molto altro, considerando anche come il Regno Unito ha il più alto tasso di obesità d’Europa. Ciò costituisce una delle maggiori sfide del nostro tempo e sta mettendo sotto pressione il Servizio sanitario nazionale britannico.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

plastica bottiglie riciclo raccolta differenziata vuoto a rendere

Plastica: dalla produzione allo smaltimento produce grandi quantità di CO2

La plastica è uno dei principali responsabili del riscaldamento globale, anche se questa sua caratteristica …

Un commento

  1. Non ci dovrebbe pensare il governo ma la famiglia. Ovvio che se i genitori sono menefreghisti e ignoranti in materia, magari a loro volta figli di menefreghisti e ignoranti, è difficile.