Home / Pianeta / Pesce catturato e rigettato in mare: una campagna europea per porre fine allo spreco. Raccolta firme di Fishfight.net

Pesce catturato e rigettato in mare: una campagna europea per porre fine allo spreco. Raccolta firme di Fishfight.net

I promotori di “Fishfight”  hanno esposto un relitto di peschereccio davanti al Parlamento europeo a Bruxelles per denunciare il dramma dei pesci catturati dai pescherecci del Nord Europa e rigettati in acqua, come fossero alghe o scarti. Un contatore sulla chiglia dello scafo aggiorna il numero dellepersone che aderiscono alla raccolta di firme giunte a quota 700.000. Di che si tratta?

La storia dei pesci scartati post-mortem non è nuova, e i tempi sono maturi per mettere fine a questo scempio. La stessa Commissaria europea Maria Damanaki aveva indicato il tema degli scarti come un elemento chiave nella riforma della Politica europea della pesca, in una riunione a ciò appositamente dedicata lo scorso il 1° marzo. Già nel 2004 la FAO aveva stimato che almeno 7,3 milioni di tonnellate di pesce, vale a dire l’8% del totale delle catture, venissero scartate. Ma in Europa i dati sono assai peggiori e raggiungono il 50-70%, rispettivamente, nei casi delle “whitefish fisheries” e delle “flatfish fisheries”. Attività di pesca sul fondo, finalizzate alla cattura di esemplari caratteristici dell’Atlantico (come i merluzzi di varie specie, naselli, etc.) o di specie da sabbia (platesse, sogliole, rombi, halibut).

Secondo gli organizzatori si tratta di uno spreco insensato, che provoca  grave danno all’eco-sistema marino e alla bio-diversità. I nomi dei sostenitori della campagna saranno aggiunti a una lettera (vedi documento allegato) da inviare al Commissario Maria Damanaki, ai membri del gruppo di riforma della Politica Comune della Pesca (“Common Fisheries Policy Reform Group”) e a tutti i membri del Parlamento Europeo.

Per aderire basta inserire il proprio nome, cognome ed e-mail sul sito  http://www.fishfight.it. Perché farlo? Perché in assenza di regole a tutela di chi e di ciò che ci circonda, tutti tendono a limitare l’attenzione all’interesse personale di breve periodo. Ma il pensiero a un bene collettivo, quanto più è condiviso tanto più è capace di favorire alla vita nel lungo termine. Lo abbiamo visto per il nucleare, lo vedremo per i pescetti incagliati nelle reti, speriamo di vederlo prima che sia troppo tardi anche per il “land-grabbing”.

La soluzione è quella di proibire lo scarto dei pesci di minor interesse economico, sia pure con un approccio graduale. Anche i consumatori dovranno fare la loro parte, dedicando maggiore attenzione alle specie meno note e perciò anche più economiche, altrettanto saporite e salutari.

Dario Dongo

Foto: Dongo

Per saperne di più: http://ec.europa.eu/commission_2010-2014/damanaki/headlines/press-releases/2011/04/20110412_en.htm

 

Avatar

Guarda qui

Lavazza cuba caffe agricoltrici donne emancipazione

Caffè, sostenibilità ed emancipazione femminile: a Cuba il progetto di Lavazza con Oxfam documentato da Steve McCurry

Una tazzina di caffè può favorire lo sviluppo sostenibile e l’emancipazione femminile? È quello che …